Utente 180XXX
Gentile dottore,
negli ultimi mesi ho notato casualmente un fenomeno strano che mi preoccupa; stando in posizione sdraiata a letto, con i muscoli rilassati ho notato che l'addome (da sopra fino poco sotto l'ombelico) ha un movimento ritmico in sincronia con i battiti cardiaci. Non avverto alcuna sensazione fisica riguardo questa pulsazione, ma percepisco solo questo effetto visivo. Preciso di essere di costituzione magra e senza una muscolatura addominale molto sviluppata, e di avere la pressione tendenzialmente bassa: anche in questo periodo ho mediamente sotto i 110/75 la sera e qualche volta soffro di sensazione di svenimento con sudorazione in alcune situazioni, al solo pensiero a volte (effettivamente sono un po' ansioso. Lo scorso dicembre sono anche stato al pronto soccorso, dove però gli esami (ECG, radiografia torace ed alcune analisi del sangue) non hanno evidenziato niente di particolare.
In questi mesi ho anche effettuato alcune visite mediche (anche se per altri problemi, di colon irritabile) con palpazione dell'addome ed ecografia addome superiore.
So del rischio di aneurisma all'aorta addominale perchè avuto da un conoscente.
A suo parere questi movimenti dell'addome sono normali o è opportuno approfondire la questione?
E per quanto riguarda la pressione bassa e questi sensi di svenimento?

Ringrazio anticipatamente per tutte le risposte che giungeranno.

Cordialmente,
Andrea

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Va tutto bene, il cuore batte e l'addome pulsa. Una forma di pletismografia empirica. Anzi se ha un letto non massiccio e un po' ballerino, potrebbe notare che a ogni eiezione cardiaca, il letto ha una piccola vibrazione. Abbiamo scoperto la ballistocardiografia.

Con la pressione bassa l'aneurisma o non viene o se viene non si allarga. In compenso, come ha visto, si sviene, perche' il sangue non arriva al cervello. Cadendo ci si rimette in orizzontale e la pompa cardiaca deve vincere una prevalenza minore, per cui si ripristina la coscienza.

Sono disturbi dei giovani, con l'eta' la pressione sale, i surreni maturano, e si smette di svenire.

Se c'era altro, con le visite fatte sarebbe emerso. Sono disturbi, come si dice, di tipo "funzionale".

Cordialita'

[#2] dopo  
Dr. Massimo Scorretti
24% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Diciamo che per la tua età saresti un pò troppo in anticipo per l'aneurisma addominale. Si discute da tempo sull'età limite per attuare lo screening ecografico per svelare una patologia subdola come l'aneurisma addominale. Spesso il cuore nelle persone molto magre assume una posizione per la quale i battiti sono visibili attraverso una sollecitazione della parete addominale. E poi hai fatto quasi tutto, ivi compresa l'ecografia addominale (superiore). Può bastare.

Un saluto
[#3] dopo  
Utente 180XXX

Iscritto dal 2006
Gentile dottor Scorretti,
la ringrazio innanzitutto per la risposta.
Io ho effettuato questa ecografia lo scorso settembre per escludere eventuali patologie dalla sindrome del colon irritabile sospettata dal medico.
Mi è rimasto solo un dubbio: l'ecografia all'addome superiore che ho fatto serve anche per studiare arterie e vene? O comunque è in grado di "vedere" eventuali problemi di questo tipo? Infatti sul referto si parla di vena porta superiore (se non sbaglio, con esito di flusso regolare), ma non di arterie.
La ringrazio ancora e mi scuso se mi sono dilungato troppo.

Cordialmente,
Andrea
[#4] dopo  
Dr. Massimo Scorretti
24% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
L'ecogragia addominale è in grado di visualizzare correttamente l'aorta nel tratto addominale (l'aorta ha un decorso che va dal torace all'addome fino al tratto della pelvi (bacino) ove si biforca ad Y nelle due arterie iliache. Nel tratto addominale è visibile e se vi sono anomalie possono essere agevolmente svelabili. Di solito gli aneurismi addominali preferiscono il tratto sottorenale (tra l'emergenza delle arterie renali e la biforcazione iliaca, quindi l'ecografia dovrebbe spingersi fino al tratto addominale basso e pelvico per poter visualizzare l'aorta fino alla sua biforcazione. Mi sembrerebbe eccessivo ripetere l'ecografia per studiare anche la parte dell'addome, ma se vuoi farlo..l'esame non è invasivo.

Un saluto

Massimo Scorretti
[#5] dopo  
Utente 180XXX

Iscritto dal 2006
Gentile dottore,
le scrivo in riferimento alla precedente richiesta sulla pressione bassa e l’addome pulsante. Ho notato da un paio di settimane (anche se non escludo che possa esserci stato anche in precedenza) che, in particolar modo la sera, questi valori (misurati a riposo da seduto):
pressione sistolica tra 100 e 110 (a volte anche un po’ sotto 100)
pressione minima tra 65 e 80
pulsazioni tra 54 e 62
Tutto accompagnato, delle volte, da una sensazione di lieve spossatezza. A volte, forse a causa di agitazione, invece la pressione sale rapidamente a 90/140 con i battiti a 90-100, con sudorazione e sensazione di svenimento. La stessa cosa mi è accaduta lo scorso dicembre, ma andando al pronto soccorso (con ECG, RX torace, emocromo, p-t protrombina , APTT, urea, creatina, glucosio, calcio totale, sodio, potassio, cloro, bilirubina, AST, ALT, mioglobina, troponina, amilasi P. non hanno trovato niente e, durante il resto dell’anno, non ho avuto più disturbi.
Soffro anche di sindrome del colon irritabile che ogni tintosi fa sentire.

Potrebbe dipendere dalla magrezza (sono 55kg per 170cm, ma comunque sempre stato così: tra 55 e 58 kg), da ansiosità, dal dormire poco (circa 5/6h a notte)?
Mi consiglia qualche accertamento?

Grazie per l’aiuto.

Andrea
[#6] dopo  
Dr. Massimo Scorretti
24% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
L'unica cosa che farei per il momento è verificare le condizioni della tua tiroide, accertando inizialmente i valori di T3-T4-TSH ed eventualmente una ecografia tiroidea.

Un Saluto

dott. Massimo Scorretti
[#7] dopo  
Utente 180XXX

Iscritto dal 2006
Gentile dottore,
avevo dimenticato di scriverlo in precedenza; sempre al fine di valutare eventuali cause dei miei disturbi intestinali, il gastroenterologo mi ha prescritto in agosto il TSH, il cui esito è stato il seguente:
TSH = 3.86 mUI/L [Intervallo di riferimento 0.40 – 3.70]

Essendo un po’ sopra il massimo, sia lui sia il medico di base hanno ritenuto di tenero sotto controllo periodicamente.
E' sufficiente come risultato, o conviene comunque fare gli altri che mi ha indicato? La pressione bassa e il battito rallentato possano dipendere da questo?

Cordialmente,
Andrea
[#8] dopo  
Dr. Massimo Scorretti
24% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
verifichi anche il T3 il T4 e gli anticorpi antitireoglobulina.

Un saluto

dott. Massimo Scorretti
[#9] dopo  
Utente 180XXX

Iscritto dal 2006
Gentile dottore,
il mio medico di base ritiene sia sufficiente tenere sotto controllo il solo TSH. Avendo però ancora la sintomatologia descritta, vorrei essere sicuro, perchè così non riesco ad essere tranquillo; per questo le chiedo se può gentilmente indicarmi a quale tipo di specialista potrei rivolgermi per valutare questi aspetti relativi al cuore ed alla tiroide, ad esempio: cardiologo o altro..
La ringrazio tantissimo per la disponibilità.

Cordialmente,
Andrea