Utente 119XXX
Maschio 46 anni.
Ho eseguito un controllo alla tiroide con esame dell sangue ed ecografia. L'ecografia mostra una tiroide volumetricamente ai limiti superiori della norma DAP DX 21mm, DAP SIN 20mm ad ecostruttura parenchimale finemente disomogenea. Mentre i valori del sangue sono:
-TSH: 3,31 IU/ml 0,4-4,0
-F-T3: 4,01 pg/ml 2-5,6
-F-T4: 1,75 ng/ml 0,8-1,9
-anticorpi anti-tireoglobulina 187IU/ml minore 40IU/ml
-anticorpi anti-perossidasi tireoidea 419IU/ml minore 35IU/ml
Il mio medico dice che se tratta di un inizio di tiroide de Hashimoto.
Esiste un trattamento omotossicologico in grado di abbasare i valori riferiti ai anticorpi? E posibile fermare l'andamento di questa malatia?
[#1] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
omeopatia ed omotossicologia permettono di controllare l'andamento di una tiroidite di Hashimoto, in particolare se questa è in fase iniziale.
Esistono farmaci che controllano lo stato infiammatorio e modulano la risposta immunitaria in corso con risultati interessanti.
Cordialmente.
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Bova
36% attività
4% attualità
12% socialità
DESENZANO DEL GARDA (BS)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
Trattandosi di una tiroidite autoimmunitaria sarebbe saggio controllare la funzione della tiroide (TSH,FT4) ogni 6 mesi. E se clinicamente sta bene e non ha sintomi riferibili a disfunzione tiroidea non si preoccupi.
Se è una tiroidite recente troverà un incremento degli anticorpi (che farà 1 volta l'anno). Di solito è frequente che dopo i 50 a. il movimento anticorpale si spenga senza intervento medico di alcun tipo.
Se invece vedesse modificazioni del TSH al di sopra dei valori limiti accompagnati a qualche disturbo clinico allora contatti il suo medico.
In tal caso l'omeopatia o l'omotossicologia potranno essere di aiuto.

Cordialità
[#3] dopo  
Utente 119XXX

Iscritto dal 2009
Grazie per la sua risposta seguirò il suo consiglio. Mi sembra di capire che soltanto con avere i valori degli anticorpi alterati non è da considerarsi attualmente una patologia della tiroide, e così?

Ancora grazie per il suo chiarimento.

[#4] dopo  
Dr. Giuseppe Bova
36% attività
4% attualità
12% socialità
DESENZANO DEL GARDA (BS)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
Gli anticorpi antitiroide aumentati sono espressione di una risposta anticorpale contro un organo a cui il suo sistema immunitario doveva essere tollerante. Ha perso la tolleranza perche' un fattore scatenante (predisposizione genetica, batterio, virus?) ha mandato in tilt il suo sistema immunitario. Pertanto controlli con gli esami cosa succede nel giro di qualche anno e poi prenderà eventuali adeguati provvedimenti terapeutici.

Cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 119XXX

Iscritto dal 2009
Grazie mille per la sua tempestiva ed esaustiva risposta, mi è stato di grande aiuto, alleviandomi la mia ansia dopo aver letto il risultato delle analisi.

I più cordiali saluti