Utente 120XXX
Salve, sono un uomo di 34 anni, da quando ho iniziato a masturbarmi, età di 16 anni, ho preferito come tecnica quella di strofinare il mio pene contro il materasso simulando la penetrazione, senza usare le mani. Non ho mai avuto problemi di eiaculazione e continuo a non averne, con questa tecnica di masturbazione. Ho avuto il mio primo rapporto a 29 anni, e fino ad alcuni mesi fa i rapporti sono stati sporadici, nell'ordine di 3 o 4 all'anno..Da 2 mesi ho invece una ragazza stabile, con la quale almeno 2 volte alla settimana facciamo l'amore...Il mio problema e che sin dalla prima esperienza, che adesso, non riesco ad eiaculare, se non masturbandomi con il metodo descritto prima. Anche provando a masturbarmi (sia da solo che in coppia) con metodi alternativi non riesco ad eiaculare. Vorrei sapere se e come posso risolvere questo problema, grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,le modalità della masturbazione spesso influenzano la "nirnale" eiaculazione intravaginale ma,con l'intensificarsi dei rapporti vedrà che il quadro si ristabilirà.Piuttosto,spesso,questa modalità di masturbazione é espressione di una fimosi per cui approfitterei del disago per consultare un esperto andrologo e,finalmente,conoscere lo stato reale del Suo apparato genitale,sia riproduttivo che sessuale. Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2000
caro lettore,

analoga risposta è stata data ad analoga domanda posta da un lettore più giovane.
Si tratta di non perdere convinzione, cercare di insistere alla stimolazione del suo pene che deve "imparare" ad essere stimolato in maniera diversa da come è stato stimolato dall'inizio della sua attività sessuale e per lunghi anni.
Con la costanza e l'aiuto della sua donna, dopo aver verificato che non esistano problemi andrologici, la soluzione arriverà
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 120XXX

Iscritto dal 2009
Vi ringrazio per le risposte. Cercherò di seguire i vostri utili suggerimenti. E inoltre mia intenzione fare un controllo andrologico per verificare che tutto sia a posto. Non credo che si tratti di fimosi, perchè riesco a scoprire completamente ed autonomamente il glande, sia in condizione di pene a riposo che eretto. Mai avuti problemi in tal senso. Ancora grazie.
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

il suo problema sembra legato ad un problema comportamentale , psicologico.

Comunque, oltre alle corrette indicazioni ricevute dai colleghi che mi hanno preceduto, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questa disfunzione sessuale, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=65191

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com