Utente 118XXX
gentili dottori,
sono una ragazza felicemente fidanzata da diversi anni.
col mio partner abbiamo una vita sessuale appagante, pur limitata dalla carenza di "occasioni" tipica della nostra età.
ora mi è venuto un dubbio, che vi sottopongo.
nei momenti di intimità, si verifica sempre la seguente situazione: preliminari-erezione-eiaculazione (il tutto molto in fretta), dopodichè rapporto completo.
insomma facciamo l'amore sempre dopo la prima eiaculazione (ottenuta con preliminari), perchè questa in genere arriva molto in fretta e non permetterebbe quindi un rapporto sufficientemente lungo in grando di soddisfarmi.
spesso però il rapporto vero e proprio non arriva a conclusione, perchè la "seconda volta" l'eiaculazione è molto lunga ad arrivare e insorgono problemi di secchezza (mia) e stanchezza (di entrambi).
è normale in un ragazzo una reazione del genere (cioè l'eiaculazione così in fretta)? o secondo voi c'è qualche problema di eiaculazione precoce?
ed è normale in una donna non riuscire a portare a termine il rapporto?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signorina,
la sessualità ha solo due regole regole ma sono auree>: tempo e disponibilità per il rapporto. Mancando una o entranbe q2ueste, non può essere detto alcunchè.
In ogni caso lei posta una età di 25 anni: visto che è giovane ma adulta si porti il moroso in ferie da qualche parte.
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice ,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dal collega Cavallini che mi ha preceduto, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questa frequente disfunzione sessuale maschile,vle consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=27950.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta

www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#3] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
Gentile Utente,
se il suo ragazzo non ha problemi medici che possano influire sulla latenza eiaculatoria è molto probabile che vi sia un fattore psicologico di mezzo.

Inoltre dalla sua mail mi sembra di leggere tra le righe che "il massimo" sarebbe per voi avere un solo rapporto, ma con una durata che vi permetta di raggiungere entrambi un orgasmo soddisfacente. In caso contrario non vedo qual'è il problema: prima si soddisfa lui, poi Lei (ma Lei raggiunge l'orgasmo oppure no?)

Ma, se non fosse un problema, non ci avrebbe scritto, giusto?

Per questo motivo credo che avreste bisogno di una consulenza psicologica, per cercare di capire quali fattori psicologici sono coinvolti in questa situazione.

Potete iniziare leggendo questo articolo, che tratta del rapporto tra psiche ed EP

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=62157