Utente 391XXX
Buongiorno
La mattina del giorno 18 ho subito un intervento di circoncisione per correggere una parafimosi serrata, il mio chirurgo ha svolto un intervento esemplare non ho sentito il minimo dolore e il postoperatorio(nonostante siano passate solo 24 ore) è totalmente privo di dolore così come il gonfiore risulta essere minimo.
Ho solo una perplessità, cambiando le medicazione ho notato che il glande risulta ancora coperto, è una condizione dovuta al postoperatorio oppure c'è un'altra spiegazione?anche perché io ero convinto che dopo l'intervento il glande sarebbe rimasto scoperto completamente.
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Nella circoncisione tipica, o "parziale", viene rimossa unicamente la parte ristretta del prepuzio, quanto basta a permettere il libero slittamento sul glande. Pertanto, a situazione stabilizzata, il glande continua ad essere coperto, quantomento per due terzi. Il prepuzio viene rimosso completamente solo in situazioni particolari, si parla allora di "circoncisione totale".
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 391XXX

Iscritto dal 2015
Grazie della risposta, in tal caso però delle domande sorgono spontanee, chi assicura (il chirurgo) che in futuro tale problematica non possa ripresentarsi? Perché correre il rischio di dover di nuovo intervenire chirurgicamente, Non sarebbe molto meglio eliminarla completamente durante il primo intervento?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il prepuzio non è un orpello inutile, la protezione del glande ha un suo fisiologico perché. Inoltre si tratta di una potenziale disponibilità di pelle da utilizzare per vari scopi chirurgici, mai se ne presentasse la necessità. In caso di vera fimosi congenita, in assenza di altri problemi dermatologici, l'ipotesi di un restringimento recidivo è molto remota.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 391XXX

Iscritto dal 2015
Grazie per le delucidazioni, spero che la degenza continui tranquillamente e spero di aver risolto il problema.
Buona giornata.