Viagra acquistato on-line di solito è contraffatto

Dr. Gino Alessandro ScaleseData pubblicazione: 01 giugno 2012

E’ quanto emerge da uno studio condotto dalla multinazionale Pfizer riguardante l’acquisto on line del Viagra (Sildenafil) conosciutissimo e diffusissimo farmaco per la cura della disfunzione erettile. Più di tre quarti del farmaco acquistato on-line è risultato contraffatto. Spesso noi medici siamo abituati a prescrivere il farmaco senza dare raccomandazioni al paziente di non acquistarlo on-line specie se il sito proponente non è certificato e garantito. Un modo per identificare i prodotti autentici on-line è quello di andare sul sito Web del National Board of Pharmacy e cercare la lista delle farmacie con approvazione VIPPS (Verified Internet Pharmacy Practice Sites): http://vipps.nabp.net/.
I siti web sono stati identificati usando Google o motori di ricerca come Bing, e gli acquisti multipli sono stati fatti da ogni sito web.

"Dei 22 siti web esaminati,  il 100% non ha chiesto una prescrizione, come richiesto dalla legge". Su 22 compresse analizzate chimicamente, il 77% era contraffatto. Le pillole contraffatte contenevano dal 30% al 50% della concentrazione di principio attivo Sildenafil. Delle pillole che non erano contraffatte 17 (15%), erano autentiche e 5 (4%) erano farmaci generici.

Sono circa 50 i prodotti noti  contraffatti che circolano nel mondo.  Il costo per pillola variava da $ 3,28 ad addirittura $ 33,00 (costo più elevato rispetto al costo standard europeo). I prodotti erano spediti più frequentemente da Hong Kong (11 siti web), dagli Stati Uniti (6 siti web), e il Regno Unito (2 siti), ma anche provenienti da Canada, Cina e India.

La questione è molto rilevante sia per i medici che per i consumatori. Le persone sono molto attente sulla provenienza e sulla qualità dei cibi. Molto meno selettivi lo sono quando devono intraprendere terapie fai-da te o perché subentra l’imbarazzo di andare a parlare con il medico di questioni sessuali oppure per veri e proprio problemi economici accentuati in questo frangente.  
L'industria del farmaco contraffatto è in continuo incremento ed attualmente fattura $ 100 miliardi dollari.  

I farmaci contraffatti sono pericolosissimi e possono contenere prodotti chimici di basso costo e di bassa qualità, che in alcuni casi, per fortuna non frequenti, hanno determinato dei decessi.

Conclusioni

Numerosi sono i farmaci contraffatti venduti on-line (antibiotici, vaccini ecc.) fra cui anche , farmaci per la disfunzione erettile (Cialis, Levitra e Viagra). Questo studio ci deve far pensare molto e ci deve porre delle preoccupazioni, nel senso che la tendenza è quella di evitare di parlare del problema direttamente al medico per fare l’acquisto on-line esponendosi a possibili effetti collaterali anche gravi by-passando la visita medica fondamentale per scoprire eventuali problemi concomitanti che si manifestano con la disfunzione erettile (come ad esempio le malattie cardiovascolari)

Atti American Urological Association (AUA) 2012 Annual Scientific Meeting: Abstract 1486. Presentata 22 Maggio 2012.


 

Autore

ginoalessandroscalese
Dr. Gino Alessandro Scalese Urologo, Andrologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1997 presso Università degli Studi di Bari.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Bari tesserino n° 11376.

3 commenti

#1
Utente 230XXX
Utente 230XXX

..se vendessero un poco piu' di cervello on line ,
credo che la maggior parte continuerebbe a prendere sempre un po' piu' di viagra . :(

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa