Attenzione al cuore quando si ha un disturbo dell’erezione

Dr. Giovanni BerettaData pubblicazione: 17 gennaio 2013

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

Un gruppo di ricercatori greci dell’ Ospedale  Hippokration di Atene, ha recentemente condotto uno studio complesso e complicato nel tentativo di trovare, in modo più attendibile e corretto, le eventuali relazioni e correlazioni tra un disturbo dell’erezione ed un possibile problema cardiovascolare.

Cuore Matto-1984 di Sergio Fedriani
Cuore Matto-1984 Acquarello di Sergio Fedriani

Con questo intento è stata condotta una meta-analisi, cioè sono stati esaminati e confrontati in modo dettagliato e preciso, i dati (in modo retrospettivo) di quattordici ricerche distinte che hanno studiato questo tipo di problematiche cliniche.

Ricordiamo che una meta-analisi è considerata una stima complessa, fatta su diversi studi, che permette poi di trarre conclusioni più importanti di quelle che si potrebbero ricavare da un solo ed unico lavoro scientifico.

Questa meta-analisi in conclusione ha valutato complessivamente 92.757 uomini con disturbi dell’erezione e si è giunti alla conclusione che un deficit dell’erezione aumenta del 44% la possibilità di incorrere in una malattia cardiovascolare, del 62% il rischio di un infarto, del 39% quello di un ictus e del 25% di una possibile mortalità per problemi cardiaci.

In sintesi estrema un deficit dell’erezione, nella storia clinica di un uomo, si può considerare alla stessa stregua di un importante fattore di rischio predittivo a livello delle arterie coronarie, come l’ipertensione arteriosa, il fumo di sigarette o la presenza di un importante aumento del colesterolo e dei trigliceridi nel sangue e quindi questo sintomo clinico deve essere tenuto sempre ben presente e mai sottovalutato.

 

Fonte:

http://circoutcomes.ahajournals.org/content/early/2013/01/08/CIRCOUTCOMES.112.966903.abstract

Per approfondire:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-quando-l-erezione-e-difficile-o-non-c-e-che-cosa-fare.htmlQuando-l-erezione-e-difficile-o-non-c-e-Che-cosa-fare

 

Autore

giovanniberetta
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1977 presso Università di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Firenze tesserino n° 12069.

4 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.