Maschi americani sempre meno fertili!

Dr. Giovanni BerettaData pubblicazione: 19 ottobre 2013

Questo sembra essere il dato che emerge da una comunicazione, fatta in questi giorni a Boston, al 69 Meeting annuale dell'American Society for Reproductive Medicine, condotta da un gruppo di ricercatori nordamericani della Reproductive Endocrinology and Infertillity Unity della Universita` dello Utah di Salt lake City, dal titolo esplicito: "Evidence of a recent decline in sperm count in a United States population from 2002-2010".

                               giovanniberetta_Copia di Varie_3362[1]

Gia` precedenti studi epidemiologici avevano, in modo non sempre preciso e in alcuni casi controverso, indicato un peggioramento della "qualita`" e del numero di spermatozoi in popolazioni maschili, appartenenti ad alcune aree ricche del nostro pianeta, ma qui la valutazione e` stata piu` mirata e meditata, esaminando in modo preciso, omogeneo e con continuita' i vari parametri del liquido seminale in un importante numero di uomini residenti nello Utah dal 2002 al 2010.

Il 95% delle strutture che si occupano di infertilita`, cioe`praticamente tutti i  laboratori dello Utah, lavorano in modo certificato e impiegando i parametri WHO (OMS), quarta edizione con protocolli validati e omogenizzati anche rispetto alle varie modificazioni intercorse in questi anni.

Sono stati esaminati i liquidi seminali di 15.475 uomini, i parametri sono stati valutati tenendo in considerazione le variabili come eta`, giorni di astinenza, stagionalita` e anche le possibili variabili legate ai vari laboratori interessati nella ricerca.

I risultati hanno messo in evidenza come il numero totale degli spermatozoi e soprattutto il numero totale di quelli mobili di tutta questa immensa casistica diminuisce di circa il 2% per anno.

Questo sembrerebbe confermare il decrescere della fertilita` maschile.

 

Autore

giovanniberetta
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1977 presso Università di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Firenze tesserino n° 12069.

4 commenti

#1
Ex utente
Ex utente

Purtroppo il sistema endocrino maschile è sotto pressante attacco di un continuo inquinamento simil-estrogenico, inquinamento che sta letteralmente distruggendo la maschilità oltre che la fertilità. Ma, come al solito, sono pochi i medici che gridano all'allarme sociale. Alcuni, addirittura, sono soddisfatti della femminilizzazione del maschile (vedasi Veronesi). Per fortuna ci sono anche bravi medici come lei Dott. Beretta, che si preoccupano del problema facendo buona informazione.
Per il resto credo che quelle rare campagne mediatiche per la salute maschile, invece di preoccuparsi del presunto "problema" dell'eiaculazione precoce, dovrebbero preoccuparsi nell'informare sul buon livello di produzione ormonale nell'uomo.

#2
Dr. Giovanni Beretta
Dr. Giovanni Beretta

Gentile lettore,

ringrazio per le sue considerazioni positive sul mio operato.

Penso anch'io alla necessità di una informazione andrologica a 360° che non escluda comunque anche il problema "eiaculazione precoce".

Ancora un cordiale saluto.

#3
Ex utente
Ex utente

Vero dottore, servirebbe un'informazione andrologica nazionale a 360°.
Le mie considerazioni sull'eiaculazione precoce sono state, forse, troppo drastiche, ma noto che spesso questo genere di campagne sono finalizzate più a vendere nuovi farmaci serotoninergici, propagandando statistiche allarmistiche e senza fondamento alcuno (si parla addirittura di 1 uomo su 5 affetto da questo "problema"), che a fare una buona informazione salutistica.

Mio pare personale ovviamente.

#4
Dr. Giovanni Beretta
Dr. Giovanni Beretta

Gentile lettore,

alla sua analisi poco altro posso aggiungere!

Ancora un cordiale saluto.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio