Rapporti omosessuali e gonorrea

Dr. Andrea MilitelloData pubblicazione: 20 novembre 2013

L’ormai omnipresente problematica della antibiotico resistenza ha colpito anche il germe neisseria gonorrhoeae (responsabile della gonorrea) rendendo quindi drammaticamente inutile l’uso di tetracicline, sulfamidici, chinolonici e penicilline.

Ci si è chiesto se vi fosse una differenza tra machi etrosessuali rispetto agli omosessuali, ed è stato intrapreso uno studio osservazionale durato sei anni, che comprendeva pazienti affetti da malattie sessualmente trasmesse, esaminati in 30 città americane.

Si è visto che (nel periodo 2005/2010) il rischio di dover utilizzare MIC elevate per cefixime, ceftriazone e azitrominica è stato più alto nei maschi che avevavno avuto rapporti omosessuali.

Lo studio conclude che i rapporti maschili omosessuali espongono a un rischio più frequente di infezione da gonorrea resistente agli antibiotici.

 

Bibliografia:

Autore

andrea.militello
Dr. Andrea Militello Urologo, Andrologo, Sessuologo, Patologo della riproduzione

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Università La Sapienza di Roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 43740.

4 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test