Spermatozoi : le “colpe” dei padri ricadranno sui figli

Dr. Giulio BiagiottiData pubblicazione: 22 ottobre 2016

Chiariamo subito un concetto per la pari opportunità di genere, anche le madri non sono da meno e non escluse dal problema.

Un gruppo di ricerca Australiano ha, con ottima approssimazione, dimostrato sul modello animale una cosa abbastanza curiosa.

La storia parte da lontano, ovvero alla carestia di cibo sofferta in Europa appena dopo la Seconda Guerra Mondiale, in particolare in Olanda.

Le generazioni successive alla carestia hanno avuto un incremento di malattie cardiovascolari e di Diabete tipo II di non poco conto. Ovviamente non appariva chiaro il meccanismo col quale tale fenomeno si realizzasse.

Ebbene, ricreate le stesse situazioni nei topi da laboratorio, sono venute fuori delle osservazioni come minimo interessanti.

Il Topo Nonno affamato, ma anche la femmina se gravida e affamata, trasmettono o forse creano alla progenie un’alterazione metabolica che, alla fine, si traduce in minore fertilità dei topi nipoti. Parrebbe che alla base della cosa ci sia lo stress ossidativo dello sperma, tanto che supplementando con antiossidanti i topi Nonni e Padri affamati, il fenomeno si limita e sparisce.

La cosa che mi ha colpito poiché, a un dato punto della discussione sui risultati, gli autori affermano che tale alterazione è indipendente dai valori trovati e confrontati sul liquido seminale che non sembrano soffrire variazioni negative. A prima vista. Andando a scavare, i ricercatori hanno appurato che gli affamati roditori avevano valori dello spermiogramma normali e alterazioni consistenti della capacità antiossidante. Difatti gli spermatozoi supplementati non presentavano tale anomalia e i topi nipoti stavano benone.

Chiedendo venia agli autori dell’esperimento per l’estrema semplificazione che ho utilizzato nell’esporre il lavoro, mi preme sottolineare che ciò aggiunge un tassello abbastanza importante all’andrologia clinica.

E’ ora di piantarla di attaccarsi ai numeri dello spermiogramma come se fossero le vaticinazioni di un Oracolo e affidarsi a valutazioni anamnestiche e cliniche nonché di laboratorio di secondo livello che sono ben più utili in mano allo specialista.

http://www.nature.com/articles/srep27010#ref31

Autore

giuliobiagiotti
Dr. Giulio Biagiotti Andrologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1984 presso Università di Perugia.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Perugia tesserino n° 4114.

4 commenti

#3
Utente 454XXX
Utente 454XXX

salve , non so se questa è la sezione corretta.
ho 42 anni, con mia moglie stiamo provando ad avere un figlio ci proviamo da più di 1 circa, quando le viene somministrato il clomid dovremmo farlo ripetutamente, ma in quei gg non riesco proprio, l'erezione è debole e poi si perde del tutto, nei giorni non fertili non è così,
un aiuto?

#4
Dr. Andrea Militello
Dr. Andrea Militello

Salve, in teoria dovrebbe chiedere un consulto nell apposito slot, ma approfittiamo la disposnibilità del Dr. Biagiotti che le risponderà sicuramente appena possibile.
se posso mi permetto di manifestare il pensiero che quello che sta descrivendo ha una chiara componente psicogena , come accade a molti noi maschietti sta trasformando il piacere in prestazione....
e come dicevano i nostri nonni : il pene non vuole pensieri

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche spermiogramma 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa

Contenuti correlati