Meno Melatonina più disturbi dell'erezione

Dr. Giovanni BerettaData pubblicazione: 28 giugno 2018

Deficit di Melatonina e problemi all’erezione: questa relazione negativa e stretta ci viene suggerita da un gruppo di ricercatori turchi dell’Università di Erzincan, del Dipartimento di Urologia dell’Ospedale di Stato di Toros a Mersin e del Dipartimento di Urologia dell’Ospedale di Ankara, che hanno recentemente pubblicato un loro lavoro su questa questione in un’importante rivista internazionale brasiliana di urologia.

La Melatonina è un ormone prodotto dall’epifisi, detta anche ghiandola pineale, una struttura anatomica posta alla base del nostro cervello che influenza in parte l’attività dell’ipotalamo e regola anche il ciclo sonno-veglia.

 

    

 

La Melatonina sembra avere un’attività antiinfiammatoria ed antiossidante e in questa prospettiva, dato che lo stress ossidativo è stato in questi anni invocato anche nei disturbi dell’erezione ed in alcuni studi sperimentali sono stati ottenuti risultati considerati positivi quando è stato usato questo ormone, i nostri ricercatori hanno provato a dosare i livelli di melatonina nel siero di pazienti che presentavano disturbi all’erezione.

 

    

 

La ricerca ha coinvolto sessantadue uomini con disturbi erettivi, diagnosticati come lievi, moderati e gravi in base ad un questionario internazionale vidimato, il IIEF-5 (Indice Internazionale di Funzione Erettile-5), e ventidue uomini senza problemi, usati come gruppo di controllo.

A questo punto si sono misurati i livelli nel siero ematico di Melatonina a tutti i maschi coinvolti nella ricerca.

 

  

 

In estrema sintesi, presi tutti i dati antropometrici del caso, tutti gli altri parametri biochimici ed ormonali, fatta un’anamnesi completa e dettagliata, corretti anche i fattori di rischio: diabete, ipertensione arteriosa, malattie cardiovascolari, uso di alcol e tabacco, si è visto che i livelli di Melatonina erano significativamente più bassi in tutti i gruppi di uomini con deficit dell’erezione rispetto ai maschi del gruppo di controllo, mentre non significativa era la differenza tra i tre gruppi con problemi erettivi ed anche i fattori di rischio valutati (diabete, ipertensione, malattie cardiovascolari, fumo ed alcool) non variavano i risultati.

 

     

 

Ora questa prima segnalazione clinica dovrà essere supportata sicuramente da altri dati su popolazioni più ampie; a noi andrologi in un futuro prossimo venturo potrebbe risultare utile l’indicazione, in presenza di un disturbo dell’erezione, a dosare anche la Melatonina.

 

Fonte:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29757573

Altre informazioni:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-quando-l-erezione-e-difficile-o-non-c-e-che-cosa-fare.html

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-nel-trattamento-della-disfunzione-erettile-de.html

 

Autore

giovanniberetta
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1977 presso Università di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Firenze tesserino n° 12069.

2 commenti

#1
Utente 463XXX
Utente 463XXX

Io assumo da almeno 20 anni melatonina, 3 mg la sera. La notte ho erezioni continue e fastidiose in quanto non mi permettono di riposare e mi sveglio di continuo. Può esserci una correlazione o a cosa potrebbe essere imputato? Sono over 50.

#2
Dr. Giovanni Beretta
Dr. Giovanni Beretta

Gentile utente,

melatonina a parte, bene considerare, all’età da lei dichiarata, anche un eventuale problema alla prostata.

Detto questo, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche urologiche ed andrologiche a livello della ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli, pubblicati sempre sul nostro sito, visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1784-prostatiti-croniche-attuali-considerazioni-diagnostiche-e-terapeutiche.html

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-le-malattie-della-prostata-stili-di-vita-prevenzione-e-nuove-indagini-diagnostiche.html

https://www.medicitalia.it/salute/urologia/7-prostata.html .

Un cordiale saluto.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche deficit erezione 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati