Riporto questo studio asiatico che conferma quanto la dislipidemia influisca sulla nostra performance erettile, proponendo nuovi approcci diagnostici

 

Le alterazioni strutturali dei componenti fibroelastici del corpo cavernoso del penile (CC) possono comprometterne la compliance, con conseguenti perdite venose e disfunzione erettile (DE). Lo studio ha valutato l'efficacia dell'elastografia a onda tridimensionale non invasiva (SWD 2-D) nella quantificazione delle lesioni CC del pene nei conigli con ED indotta da iperlipidemia.

 

 

Un totale di 12 conigli bianchi della Nuova Zelanda sono stati divisi casualmente in due gruppi. Sei sono stati nutriti con una dieta ricca di colesterolo contenente il 2% di colesterolo e l'8,5% di lardo per 10 settimane e gli altri sei sono stati alimentati con una dieta normale come controlli.

 

E’ stato misurato il valore quantitativo elastico (SWQ) di shear-wave del pene CC mediante SWE 2-D. La funzione erettile è stata studiata mediante iniezione intracavernosa di papaverina e colorazione immunoistochimica (IHC) e l'analisi western blot per determinare le lesioni CC del pene. Dopo 10 settimane, i valori di SWQ ottenuti dal CC del pene erano notevolmente più alti nell'alimentazione ricca di colesterolo rispetto al gruppo di controllo e il ΔICP (plateau ICP meno la linea di riferimento ICP) / MAP (ICP: pressione intracavernosa, MAP: pressione arteriosa media) è stato nettamente diminuito.

 

 

La colorazione IHC e il western blot hanno rivelato l'accumulo di matrice extracellulare (ECM) nei tessuti cavernosi del pene e la transizione fenotipica delle cellule muscolari lisce (SMC) è stata influenzata, come indicato dalla ridotta espressione di actina e calponina-1 e aumento della fosfo-miosina catena leggera20 (p-MLC20) / MLC20 e espressione di osteopontina.

 

L'iperlipidemia ha comportato un accumulo di ECM accompagnato da una transizione fenotipica SMC nel CC del pene e alla fine ha alterato la funzione erettile. Questi potrebbero, a loro volta, portare a variazioni nei valori SWQ.

Suggerisce che l'SWE 2-D può essere un approccio innovativo, non invasivo ed efficace che distingue le lesioni CC del pene secondarie dall'iperlipidemia dal normale.

 

Per approfondire

http://www.ajandrology.com/article.asp?issn=1008-682X;year=2019;volume=21;issue=2;spage=143;epage=149;aulast=Hu;type=0

 

 

 

 

Logo medicitalia.it