Varicocele : tempo instabile con piccole schiarite

Dr. Giulio BiagiottiData pubblicazione: 21 maggio 2019

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

La relazione tra varicocele ed infertilità maschile risale ad una pubblicazione Inglese degli anni 50.

Se oggi si riprovasse a pubblicare lo stesso lavoro negli stessi termini sarebbe senza dubbio rifiutato con tanto di “ vaffa” accademico e facezie varie. Ciononostante, in assenza di prove certe, sulla utilità o meno di operare il varicocele per migliorare la fertilità maschile si sono fritti parecchi cervelli senza, peraltro, addivenire a conclusioni utili.

Il problema sta nella impossibilità di essere predittivi poiché il varicocele ha cinque gradi di espressione, se si vuole di gravità, e ha il maledetto vizio di non presentarsi mai da solo ma sempre insieme ad almeno altre due o tre patologie. Al varicocele poi si associa un liquido seminale che può essere più o meno alterato, persino qualche volta normale, associato a sua volta a soggetti che concepiscono figli lo stesso nonostante gravi alterazioni.

L’associazione di idee del tipo “varicocele con dispermia uguale infertilità” è, purtroppo, non supportata da prove. Caso mai, si potrebbe affermare che un varicocele con dispermia sotto i trenta anni comporta quasi normali possibilità di concepimento che a quaranta diventano minime. Molte coppie che concepiscono sotto i trenta e mettono al mondo un pargolo non riescono dopo cinque –sette anni a fabbricare un fratellino proprio per i danni da varicocele e patologie concomitanti.

Negli ultimi anni le conoscenze di biochimica sono parecchio migliorate e molto interesse stanno avendo delle micro vescicole intracellulari chiamate esosomi i quali hanno il compito di fare da messaggeri di segnali funzionali vari, tipo intranet. Ricordavo di aver lavorato una ventina di anni fa sulla cosa e ho dovuto scartabellare parecchio per ritrovare la comunicazione presentata ad ESHRE nel 2000. Orbene, pare che, stando ad una serie di recenti pubblicazioni scientifiche, sembra che si sia individuata una differenza significativa in esosome-signaling tra soggetti con e senza varicocele che potrebbe, potenzialmente, essere di estremo aiuto per distinguere tra coloro che sono portatori di alterazioni varie, varicocele compreso e che possono essere candidati a terapia chirurgica o endovascolare.

Per la cronaca esiste anche un approccio del varicocele attraverso terapia medica, ovvero con la sola somministrazione di farmaci, pubblicate a suo tempo. La cosa interessante è che queste alterazioni del funzionamento degli esosomi sono correlate alle alterazioni della frammentazione del DNA che è un test alla portata di molti laboratori e che può essere validamente usato pre e post terapia per verificare la eventuale utilità di quest’ultima.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31081293

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3899971/

Biagiotti G.: The progesterone-induced acrosome reaction is stimulated by previous fusion of spermatozoa and prostasomes in Atti ESHRE 2000 Human Reproduction

Cavallini G. Biagiotti G.: Medical therapy of oligoasthenospermia associate with left varicocele BJU International, 91 (6) 513-518

Autore

giuliobiagiotti
Dr. Giulio Biagiotti Andrologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1984 presso Università di Perugia.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Perugia tesserino n° 4114.

2 commenti

#1
Dr. Pierluigi Izzo
Dr. Pierluigi Izzo

Caro Giulio,condivido le tue conclusioni,peraltro anticipate circa 20 anni fa.Credo che sia necessaria una maggiore cautela nell'operare un maschio infertile di 40 anni. La strada per arrivare a ciò é lunga e tortuosa ma riflette una realtà legata all'età avanzata degli "aspiranti padri".Buon lavoro.

#2
Dr. Giovanni Beretta
Dr. Giovanni Beretta

Caro Giulio,

anch’io non posso che condividere le tue corrette osservazioni cliniche presentate in questa news; per i nostri lettori, che vogliono saperne di più su questo controverso ma importante tema andrologico, allego anche questi recenti lavori da noi sviluppati insieme al nostro, sempre compianto, collega Giorgio Cavallini:

Cavallini G, Beretta G, Biagiotti G, et al.:Subsequent impaired fertility (with or without sperm worsening) in men who had fathered children after a left varicocelectomy: A novel population? Urol Ann. 2015 Jan-Mar;7(1):79-85. doi: 10.4103/0974-7796.148625. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25657551

Beretta G: Varicocele and Infertility in Clinical Management of male infertility 2014 Editors: http://link.springer.com/chapter/10.1007/978-3-319-08503-6_7

Sempre un cordiale saluto.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.