x

x

Apparato digerente mesentere

Scoperto un nuovo organo: il mesentere

Dr. Francesco Quatraro Data pubblicazione: 04 gennaio 2017 Ultimo aggiornamento: 05 aprile 2022

Il mesentere (o Mesenterio) è noto per la sua funzione di sostegno dell'intestino tenue. Questa struttura anatomica è data da un’ampia duplicatura, formata dal peritoneo della parete posteriore dell’addo­me che si protende nella cavità addominale e che comprende, nello spessore del suo margine libero, l’intestino, vasi sanguigni e linfatici e strutture linfonodali.Mesentere

Mesentere

Che cos'è il mesentere e quali funzioni svolge?

Il meso è una doppia plicatura (piega) data da due lembi sovrapposti del peritoneo che riveste un viscere e che ne accoglie le strutture vascolari artero-venose.

Il mesentere è la plicatura principale dell'apparato enterico, poiché accoglie l'arteria mesenterica superiore, la struttura vascolare più importante: congiunge l'intestino tenue (ovvero il digiuno e l’ileo) alla parete posteriore dell'addome.

Si tratta quindi di un doppio strato di peritoneo che forma un'ampia piega a ventaglio del peritoneo di rivestimento.

La radice del mesentere è il punto in cui il mesentere si attacca alla parete addominale posteriore. Si estende dalla flessione duodenodigiunale alla giunzione ileo-cecale nella fossa iliaca destra. Tale radice è lunga, stretta e ha un orientamento obliquo, dal lato sinistro della vertebra L2 alla giunzione sacro-iliaca a destra.

Il mesentere contiene sia linfonodi che vasi linfatici, i quali ricevono linfa dagli organi dell'intestino. 

Perché il mesentere è un organo?

Il mesentere in passato è stato considerato un tessuto accessorio e frammentato, ma gli studi condotti negli ultimi anni lo eleverebbero al rango di un vero e proprio organo. Questa scoperta dovrebbe permetterci di classificare e comprendere meglio le malattie addominali. Di conseguenza il mesentere dovrà essere sottoposto alla stessa attenzione di studio e di indagine, al pari di quanto si applica ad altri organi e sistemi. 

Mesentere e organi addominali

Organi addominali

Nella ricerca, condotta nel 2016 dal medico irlandese J. Calvin Coffey e dal team della University Hospital di Limerick (Irlanda) e poi pubblicata su "The Lancet - Gastroenterology & Hepatology"(1), il professor Coffey ha definito i criteri che delineano il mesentere come un organo.

"Abbiamo un organo nel nostro corpo che non era mai stato riconosciuto come tale" afferma Coffey, "La descrizione anatomica del corpo umano, che è stata portata avanti negli ultimi 100 anni, non è corretta", ed aggiunge "Il mesentere non è, come prima si credeva, complesso e frammentato, bensì un organo semplice e dalla struttura continua".

Secondo il professor Coffey, professore di Chirurgia presso la UL’s Graduate Entry Medical School della University Hospital di Limerick, la scienza mesenterica rappresenterebbe uno specifico campo di studio, al pari, ad esempio, della Gastroenterologia, della Neurologia e della Colonproctologia.

Struttura del mesentere

Struttura del mesentere

ll professor Coffey ribadisce: "È importante accettare tale concetto universalmente, poiché riguarda tutti noi. Fino ad ora non esisteva la scienza mesenterica. Ora che abbiamo stabilito anatomia e struttura, il passo successivo sarà approfondirne la funzione. Comprendendone la funzione sarà possibile identificare la funzione anormale, e quindi la patologia mesenteriale. Mettere tutto insieme porterà alla scienza mesenterica... ponendo le basi per una nuova area della scienza medica".

Dopo la ricerca del professor Coffey è stato richiesto, a tal proposito, l'aggiornamento di uno dei testi di medicina più noti al mondo, il manuale medico-chirurgico di Anatomia Umana, la cosiddetta Anatomia di Gray o Gray's Anatomy, da cui ha preso le mosse la famosa serie tv Grey's Anatomy.

Fonte:

  1. "The Lancet - Gastroenterology & Hepatology"
  2. The mesentery: structure, function, and role in disease - Prof J Calvin Coffey, D Peter O'Leary, PhD - Volume 1, No. 3, p238–247, November 2016

Autore

francescoquatraro
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1986 presso Università degli Studi di Bari.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Bari tesserino n° 8211.

8 commenti

#6
Utente 515XXX
Utente 515XXX

Salve dottore,e un periodo che soffro di gastrite nervosa,ho fatto la cavolata di far ricerche su internet e così sono entrato in panico,qualche anno fa la dottoressa ni ha fatto fare un check completo del sangue e urine e da quello ha riscontrato reflusso gastroesofageo e colon irritabile, ora è un periodo che sto male di stomaco e questa mattina dedicando ho notato che le feci sono fi color verde chiaro,pensa che possa esser associato al reflusso gastroesofageo e al colon irritabile? Cordiali saluti

#7
Utente 653XXX
Utente 653XXX

Buonasera

#8
Utente 653XXX
Utente 653XXX

Buonasera scusatemi .avrei bisogno di un parere del medico . Posso scrivere qui?

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche mesentere 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Gastroenterologia e endoscopia digestiva?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Soffri di allergia? Partecipa al nostro sondaggio