Infezione da Helicobacter pylori e sviluppo di adenomi e cancri colorettali

Dr. Andrea FavaraData pubblicazione: 11 marzo 2017

Circa il 50% della popolazione mondiale ha lo stomaco colonizzato da Helicobacter Pylori, con importanti differenze geografiche.

Helicobacter pylori

l' infezione è spesso contratta in età pediatrica e persiste se non trattata farmacologicamente.

Le associazioni note sono con l' ulcera peptica, i tumori di origine linfatica e il cancro gastrico, oltre a numerose altre patologie extradigestive.

cancro gastrico

Il cancro colorettale è il quarto al mondo per incidenza e la seconda causa di morte imputabile a un cancro.

colonscopia

La colonscopia è un efficace mezzo di prevenzione poichè la maggior parte dei cancro originano da polipi che per un lungo periodo sono benigni e quindi possono essere asportati prima che compaia la degenerazione neoplastica.

E' pero' un esame invasivo, con costi non trascurabili ed un minimo tasso di complicanze.

E' pertanto importate conoscere i fattori di rischio per lo sviluppo del cancro in modo da farne un uso piu' selettivo e mirato.

Le evidenze passate a favore di un rapporto tra l' infezione da Helicobacter pylori ed il cancro colorettale sono modeste, ma un recente studio coreano pubblicato su Helicobacter  ha raggiunto conclusioni statisticamente significative.

Dal 2002 al 2012 8916 soggetti sani sono stati sottoposto a colonscopia per screening ed è stata determinata la loro eventuale positivita' all' infezione.

Aggiustate tutte le variabili e di fattori confondenti, i ricercatori hanno identificato l' infezione nel 60.5% dei partecipanti, piu' spesso di eta' avanzata e non fumatori.

La prevalenza totale di adenomi colorettali e di cancro nel gruppo è stata rispettivamente del 35.9 e 2.5% ma gli adenomi sono stati identificati nel 37.8% ed i cancri nel 3% dei pazienti infetti  mentre nei pazienti negativi la prevalenza è risutata ssere rispettivamente del 33% e 1.8% con un' associazione significativa per gli adenomi localizzati al colon destro.

Il meccanismo patogenetico è controverso ed è stato iptizzato essere legato alla ipergastrinemia, all' alterazione della flora batterica intestinale ed infine all' infiammazione cronica del a mucosa colica determinata dalal presenza del batterio in tale sede.

Pur con qualche limite metodologico quindi, la dimensione del campione permette di tratte conclusioni interessanti a favore del rapporto tra infezione e sviluppo di adenomi e cancri consigliando di spingere verso un maggior approfondimento diagnostico mediante colonscopia i pazienti infetti da Helicobacter rispetto a soggetti sani.

 

Helicobacter 2017; DOI: 10.1111/hel.12377

Autore

andreafavara
Dr. Andrea Favara Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo generale

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Universita' Studi Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Milano tesserino n° 31610.

4 commenti

#1
Utente 444XXX
Utente 444XXX

Esistono dei sintomi, che ti portano a pensare di essere effetto di quest'ultimo?

#2
Dr. Andrea Favara
Dr. Andrea Favara

Al cancro colorettale?
oggi idealmente la diagnosi va posta in fase asintomatica. I sintomi tardivi possono essere il sanguinamento e le irregolarita' dell' alvo.

#3
Utente 444XXX
Utente 444XXX

Nono alla presenza del virus helicobacter. Perché io attualmente ho problemi alla pancia. E spero non sia un batterio a causarmi tutto ciò. Molti medici mi diagnosticano il colon irritabile, ma i sintomi sono fastidiosi e vorrei tanto trovare una cura

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche Helicobacter 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Gastroenterologia e endoscopia digestiva?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati