Atrofia vaginale: le novità dagli Stati Uniti

Dr. Marcello SergioData pubblicazione: 05 ottobre 2013

La secchezza vaginale (o atrofia vaginale) rappresenta un problema molto frequente per la donna in età perimenopausale e può incidere notevolmente sulla qualità di vita della donna. Spesso è un problema sottovalutato e sottodimensionato anche da un punto di vista medico.

 

Nei giorni scorsi sono stati resi noti i risultati e le posizioni della North American Menopause Society (NAMS). Attualmente sono disponibili numerosi prodotti e terapie per alleviare i sintomi ed il successo dipende spesso dalla gravità di questi ultimi.

Tra questi trattamenti devono essere ricordati i lubrificanti vaginali e le creme idratanti, gli estrogeni vaginali e la terapia ormonale sostitutiva, oltre all’ospemifene commercializzato negli Stati Uniti come modulatore selettivo degli estrogeni ed indicato per il trattamento della dispareunia. Tuttora deve essere valutata la sicurezza e l’utilità dei trattamenti a base di testosterone.

La sicurezza a livello endometriale degli estrogeni locali e dell’ospemifene deve tuttora essere valutata con ulteriori studi a lungo termine. E’ altresì importante valutare la flora microbica vaginale per capire l’entità dei sintomi.

La scelta della terapia dipende dalla gravità dei sintomi, l'efficacia e la sicurezza della terapia per il singolo paziente, e deve essere tenuta in considerazione anche la preferenza della donna.

La terapia estrogenica è il trattamento più efficace per i sintomi da moderati a gravi, ma devono essere valutate eventuali controindicazioni alla terapia ormonale sostitutiva.

Quando gli estrogeni a basso dosaggio sono somministrati localmente, un progestinico non è indicato per le donne senza utero e generalmente non è indicato nelle donne con utero intatto.

Non ci sono dati sufficienti per confermare la sicurezza di estrogeni locali in donne con cancro al seno.

Un’attenta anamnesi, un accurato esame obiettivo della paziente con studio della flora microbica vaginale può aiutare a trovare la terapia più adatta per le donne che lamentano questi disturbi, talora talmente invalidanti da influire sul rapporto di coppia.

 

Fonte: Management of symptomatic vulvovaginal atrophy: 2013 position statement of The North American Menopause Society



Autore

marcellosergio
Dr. Marcello Sergio Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1988 presso la Sapienza roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 40414.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Ginecologia e ostetricia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio