Pillola contraccettiva: influisce sulla mortalità?

Dr. Marcello SergioData pubblicazione: 19 novembre 2014Ultimo aggiornamento: 04 dicembre 2014

E’ stato pubblicato nei giorni scorsi sulla rivista British Medical Journal un articolo sugli effetti che può avere l’utilizzo della pillola contraccettiva a lungo termine sulla mortalità femminile.

Si è trattato di uno studio prospettico di coorte che ha interessato 121.701 partecipanti, seguiti in modo prospettico per 36 anni dal 1976 al 1982.

Nella popolazione esaminata di 121.577 donne, 63.626 erano quelle che non avevano mai utilizzato la pillola (52%) e 57.951 le utilizzatrici (48%). Dopo l’analisi dei risultati rapportati alla mortalità per anno/persona, sono state registrate 31.286 morti.

Nessuna associazione è stata mai osservata tra  uso di contraccettivi orali e mortalità per tutte le cause. Tuttavia, morti violente o accidentali erano più comuni tra le utilizzatrici.

La più lunga durata di utilizzo della pillola contraccettiva è stata più fortemente associata con alcune cause di morte, tra cui la mortalità prematura a causa di cancro al seno, mentre si è registrata una diminuzione dei tassi di mortalità di cancro ovarico.

Gli Autori sottolineano che questi risultati (specie in riferimento alla mortalità per cancro al seno) si riferiscono all’utilizzo di formulazioni contraccettive orali con dosaggi ormonali più elevati rispetto alle formulazioni di terza e quarta ora generazione più comunemente utilizzate con dosi di estrogeni più basse.

Alla luce di questo studio, i vantaggi dell'utilizzo di contraccettivi orali per ragioni sia di prevenzione della gravidanza e non-contraccettivi non devono essere dimenticati.

I contraccettivi orali aiutano a migliorare innumerevoli disturbi, tra cui la dismenorrea, i sintomi correlati ai fibromi uterini, l'acne, la sindrome premestruale. L'uso di contraccettivi orali riduce drasticamente la mortalità materna in diversi modi, tra cui abbassando la probabilità di gravidanza e delle sue complicanze, oltre a ridurre il rischio di avere un aborto non sicuro.

Anche i contraccettivi orali di prima generazione avevano vantaggi specifici, compresa una diminuzione delle cisti ovariche e dei tumori ovarici. Con le nuove tecnologie contraccettive, come l'anello vaginale e il cerotto, nonché il crescente utilizzo di dispositivi intrauterini, l’impatto ormonale metabolico tende a ridursi, migliorando così la compliance per la paziente.

Autore

marcellosergio
Dr. Marcello Sergio Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1988 presso la Sapienza roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 40414.

4 commenti

#1
Utente 361XXX
Utente 361XXX

Grazie per l'articolo Dr. Marcello,
L'informazione prima di tutto, è opportuno che medico/farmacista e la donna valutino accuratamente sull'uso della pillola contraccettiva, analizzandone i pro e i contro.
Saluti, D.O.C. Italia-Italy

#2
Dr. Marcello Sergio
Dr. Marcello Sergio

Grazie per l'apprezzamento. Condivido. Il ruolo dello specialista deve essere proprio quello di fornire una corretta informazione.
Cordiali saluti

#3
Dr. Carla Maria Brunialti
Dr. Carla Maria Brunialti

Gent. Dr. Marcello,
grazie di qs articolo non italiano; si sa che l'Italia ha da sempre uno degli indici più bassi di utilizzo della pillola ( e dunque qualche "resistenza", da sempre) .
Buono che "Nessuna associazione è stata mai osservata tra uso di contraccettivi orali e mortalità per tutte le cause", ma strano che "morti violente o accidentali erano più comuni tra le utilizzatrici."
In ogni caso, proprio quest'anno, a 50 anni dalla sua "scoperta/invenzione" credo che corra l'obbligo di riconoscerne l'importanza: a contrasto delle patologie cui accenni, ma anche a vantaggio di una sessualità meno dipendente dalla fisiologia e più dalla scelta della donna. Che ha aperto la strada a nuove ricerche, a varie modalità di contraccezione ormonale con dosaggi più bassi.
E poi in certi casi la pillola è pur sempre il metodo contraccettivo di elezione, ad es. nella terapia dei "matrimoni bianchi" per vaginismo.

#4
Dr. Marcello Sergio
Dr. Marcello Sergio

Grazie dott.ssa Carla Maria. Il discorso delle morti violente viene chiarito all'interno dell'articolo e sembra correlato ad un aumento dei tassi di violenza domestica "The increased rates of violent or accidental deaths could be confounded by increased rates of intimate partner violence among ever users, since these women are more likely to be in relationships where violence could take place."
Condivido la possibilità che la contraccezione ormonale dipenda da una scelta consapevole della donna.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche anticoncezionale 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Ginecologia e ostetricia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati