Stop alla presbiopia

Dr. Luigi MarinoData pubblicazione: 23 settembre 2015

La presbiopia, (dal greco presbys  πρέσβυς  vecchio e op- οπ  vista) è la limitazione del nostro apparato visivo che compare dopo i 40 anni: dopo questa età abbiamo infatti una diminuzione del potere accomodativo del cristallino.

Oggi una tecnica laser “Supracor e Supracor mild” promette di farci dimenticare la presbiopia. 

Dapprima utilizziamo un laser a femtosecondi e creiamo un flap (lembo) corneale e poi sul letto corneale eseguiamo il trattamento laser della presbiopia con un laser ad eccimeri.

Il trattamento laser è indolore e senza uso di lame o taglienti ci liberiamo dagli occhiali, sia da lontano sia da vicino!

Il sistema Supracor realizza una visione molto simile a quella naturale in entrambi gli occhi. Con il Supracor ed il Supracor Mild, il trattamento del laser sulla cornea crea un BUMP: una piccola lente, una piccola area al centro della cornea che ci permetterà la messa a fuoco da vicino.

Inoltre il Supracor grazie all'aumento che ci fa ottenere dell'asfericità corneale , migliora la nostra qualità visiva.

Il Supracor non induce aberrazioni che disturbino la visione, realizzando così una gradevole visione da lontano, intermedia e da vicino. All'inizio, il trattamento rende i pazienti un po' miopi ma il tutto migliora dopo le prime settimane.

La visione da lontano continua a migliorare di mese in mese e si ottiene una visione di 8-9/10 naturali nel 84% dei casi dopo 3 mesi e nel 98% dei casi dopo sei mesi.  

I candidati alla correzione della presbiopia con laser (SUPRACOR) sono i pazienti con queste caratteristiche:

  • Età dai 47 ai 60 anni
  • Ipermetropia da +1 a +3 diottrie per lontano
  • Astigmatismo, se presente, entro e non oltre 1,5 diottrie
  • Lenti in uso per lettura da +1,75 diottrie in su
  • Curvatura corneale con K medio tra 41 e 45 diottrie

 

E' sempre necessaria una visita pre operatoria che stabilisca:

  • accurata valutazione anamnestica e generale del paziente;
  • considerazione delle sue abitudini di vita e delle aspettative;
  • studio approfondito del difetto visivo e dell’occhio nel suo insieme;
  • consegna del modulo di consenso informato e della terapia pre operatoria;
  • organizzazione della data dell’intervento.

 

 

Autore

luigimarino
Dr. Luigi Marino Oculista, Medico legale

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso Università degli Studi di FIRENZE.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Milano tesserino n° 35175.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche presbiopia 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Oculistica?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test

Contenuti correlati