Agopuntura per l’occhio secco?

Dr. Luigi MarinoData pubblicazione: 01 luglio 2019

La Sindrome dell'occhio secco (DED), o cheratocongiuntivite sicca, è uno dei problemi oculari più comuni nel Mondo ed in particolare negli Stati Uniti.

La prevalenza dell'occhio secco è stimata tra il 5% e il 30%.

I sintomi DED possono essere particolarmente debilitanti e comprendono

  • irritazione,
  • sensazione di sabbia o di corpo estraneo
  •  bruciore
  • pizzicore,
  • stanchezza e
  • arrossamento degli occhi. 

Questi possono avere un importante effetto negativo sulla qualità della visione e soprattutto sulla qualità della vita. 

Il trattamento terapeutico consiste:

  • Modifica dello stile di vita,
  • Uso frequente di lacrime artificiali,
  • Ciclosporina topica,
  • Steroidi topici,
  • Occlusione punctum plug del puntino lacrimale,
  • Tetracicline per via orale e
  • Acidi grassi omega-3 per via orale.

I più recenti progressi tecnologici includono

Intense Pulsed Light ed il LipiFlow.

Tuttavia i pazienti spesso continuano ad avere sintomi debilitanti. 

L'analisi farmacoeconomica postula riduzioni di produttività equivalenti a un costo annuale stimato di 7000 dollari a persona a causa di DED.

L'agopuntura ha avuto origine più di 3000 anni fa in Cina ed è praticata in gran parte del mondo per vari stati patologici. 

Molti studi hanno indicato l'agopuntura come trattamento efficace per l'occhio secco.

Per questo studio recentissimo sono stati reclutati 58 soggetti presso Eye Center dell'Università di Pittsburgh Medical Center (UPMC). 

I criteri di inclusione 

1. 18 anni o più

2. Precedente diagnosi di malattia dell'occhio secco (DED) da parte di un oftalmologo

3. Segni e sintomi persistenti di DED per almeno 1 mese

 

Il consenso informato scritto è stato ottenuto da ciascun paziente prima dell'arruolamento per questo studio. 

Tutte le donne in età fertile sono state sottoposte a un test di gravidanza prima dell'arruolamento nello studio e sono state escluse se il test foss e risultatopositivo. 

Tutti i partecipanti hanno continuato la loro terapia attuale per l'occhio secco.

Sono stati registrati eventi avversi e motivi di abbandono.

 

Criteri di esclusione

1. Chirurgia intraoculare o laser entro 90 giorni

2. Storia del trattamento dell'agopuntura nell'ultimo anno

3. Storia nota di reazione avversa all'agopuntura

4. Gravidanza

5. Allattamento al seno

 

Prima dello studio i pazienti sono stati sottoposti a visita medica specialistica completa e sono stati somministrati 

  • Questionario sull'indice di superficie della malattia oculare (OSDI). 
  • Questionario generale che valutava le ore di utilizzo del computer, la frequenza di applicazione delle lacrime artificiali, la frequenza degli occhi chiusi a causa di sintomi intollerabili e 10 sintomi comuni del DED 

     - disagio,

     - secchezza, 

     - irritabilità,

     - bruciore,

     - stanchezza,

    - arrossamento,

     - epifora,

     - offuscamento,

     - variazione circadiana del visus

     - diminuzione della vista,

con le scelte di risposta registrate dai partecipanti di "mai", "raramente", "a volte", "frequentemente" e "costantemente".

  • Test di acuità visiva con E di Snellen.
  • Tempo di rottura lacrima (TBUT). 
  •  La stabilità del film lacrimale è stata misurata esaminando il paziente a una lampada a fessura usando la luce blu cobalto TEST di KORB- MARINO. 
  • uperficie oculare. 
  • La valutazione è stata eseguita immediatamente dopo TBUT,
  • Usando la luce blu cobalto, un punteggio di 0-3 è stato dato a cinque sezioni della superficie corneale (centrale, inferiore, superiore, nasale e laterale) e laterali e nasali della congiuntiva bulbare di ciascun occhio, per un punteggio totale massimo di 21. Un punteggio di 0 è stato dato senza colorazione; 1 è stato dato per poche macchie puntuali che potrebbero essere facilmente contate; 2 è stato dato per la colorazione puntata moderata in cui la marcatura puntata individuale era troppo grande per contare, ma non si era ancora coalizzata; 3 è stato dato per la colorazione a coalescenza.
  • Valutazione del flusso lacrimale mediante test di Schirmer tipo 2 con anestesia (anestetico topico, proparacaina 0,5%). Dopo l'instillazione dell'anestetico, la carta di prova Schirmer è stata posizionata sul terzo laterale della palpebra inferiore in entrambi gli occhi per 5 minuti, come registrato con un cronometro. 
  • Condizioni atmosferiche La temperatura media (° F), il punto di rugiada (° F) e l'umidità relativa (%) sono stati registrati per ogni visita. I dati atmosferici sono stati ottenuti dalla National Oceanic and Atmospheric Administration, National Weather Service.

La vera terapia con agopuntura è stata eseguita secondo il protocollo Niemtzow 

Per il gruppo di trattamento, ogni partecipante ha ricevuto un trattamento con agopuntura per due giorni consecutivi per un totale di due sedute per partecipante. Tutti i trattamenti di agopuntura sono stati eseguiti in una stanza dedicata all'agopuntura nel Centro per la cura dell'occhio secco dell'UPMC Eye Center. 

Gli aghi utilizzati per agopuntura erano sterili, monouso e acciaio inossidabile, con tubi guida individuali che sono stati lasciati sul posto per 45 minuti senza alcuna stimolazione elettrica o manuale. 

Per il vero trattamento terapeutico di agopuntura, un totale di 12 aghi sono stati collocati bilateralmente sulle orecchie

(nei punti di agopuntura Salivary Gland 2, Point Zero e Shen Men) e bilateralmente sugli indici dell' Intestino crasso modificati per l'uso in DED. 

Per il trattamento di agopuntura placebo sono stati utilizzati 4 aghi collocati in cerchio sulla spalla superiore sinistra e destra, al di fuori di qualsiasi punto o meridiano noto di agopuntura. 

Dei 58 partecipanti reclutati nello studio, sette hanno abbandonato il trattamento di agopuntura. 

Di questi, un partecipante si è ritirato senza motivo, mentre gli altri si sono ritirati a causa della gravidanza. 

Un totale di 49 pazienti ha completato lo studio.

Le condizioni atmosferiche potrebbero potenzialmente complicare la valutazione dell'occhio secco e avere il potenziale per confondere i risultati. 

Per tenere conto di questa variabile, la temperatura media, il punto di rugiada (dew point) e l'umidità relativa sono stati registrati al momento della raccolta dei dati durante il periodo di studio

Durante il periodo di studio di sei mesi, la temperatura media è diminuita mentre i temporali arrivavavno fino all'autunno e alle stagioni invernali. 

Nonostante questa differenza di temperatura, non ci sono state variazioni significative tra i gruppi di trattamento. 

L'OSDI è stato valutato al basale e dopo 1 settimana e 1, 3 e 6 mesi nei pazienti che hanno ricevuto un vero trattamento di agopuntura o placebo. 

Dopo il vero trattamento di agopuntura, i punteggi OSDI sono migliorati significativamente

A 6 mesi dal trattamento, il vero trattamento di agopuntura ha migliorato significativamente i punteggi OSDI rispetto al trattamento placebo.

L'OSDI è stato valutato al basale e dopo 1 settimana, 1, 3 e 6 mesi nei pazienti trattati con trattamento di agopuntura vero (n = 24) o placebo (n = 25). 

Il vero trattamento di agopuntura ha migliorato significativamente l'OSDI rispetto al trattamento placebo solo dopo 6 mesi.

Inoltre, i punteggi OSDI sono migliorati significativamente 1 settimana dopo il vero trattamento di agopuntura e hanno continuato a migliorare.

Dopo 6 mesi, è stata osservata una significativa riduzione della frequenza di blinking palpebrale riferita dai pazienti sottoposti a un vero trattamento di agopuntura rispetto al basale ( p = 0,002, n = 24). 

Inoltre, si è registrata una tendenza alla riduzione del numero di applicazioni di lacrime artificiali.

Per entrambi i gruppi di trattamento di agopuntura, non vi erano differenze significative nel test TBUT, nel test di Schirmer e nella valutazione della superficie oculare a 1 mese, 3 mesi e 6 mesi dopo il trattamento

In questo studio prospettico, randomizzato, in doppio cieco, suggerisce che due sessioni di trattamento in giorni consecutivi di vera agopuntura possono migliorare le misurazioni dei sintomi soggettivi dell'occhio secco, come valutato dall'OSDI e un questionario generale.

I miglioramenti soggettivi di secchezza, irritabilità e arrossamento erano significativi nel gruppo trattato, ma non nel gruppo placebo.

Sono stati proposti diversi meccanismi di azione dell'agopuntura. 

L'agopuntura diminuisce le citochine proinfiammatorie, avendo quindi un effetto anti-infiammatorio: infatti è utile

  • condizioni infiammatorie croniche come la malattia infiammatoria intestinale,
  • secchezza oculare,
  • artrite reumatoide e la
  • depressione.  

Inoltre, l'agopuntura

  • aumenta il flusso di sangue agli organi
  • riduce la sensazione di dolore,
  • modula il sistema simpatico
  •  la stimolazione del punto Zusanli (ST-36) ha portato all'attivazione di diverse vie metaboliche. 
  • Gli effetti dell'agopuntura sono stati convalidati attraverso studi di neuroimaging. Dhond et al. hanno riportato studi di risonanza magnetica funzionale negli esseri umani che hanno mostrato effetti immediati di prolungata stimolazione dell'agopuntura nelle aree del tronco e del limbale basale correlate a funzioni somatosensoriali e affettive note per essere coinvolte nell'elaborazione del dolore. 
  • Harris et al. documentato che la tomografia a emissione di positroni ha dimostrato che l'agopuntura aumenta il potenziale di legame degli oppioidi μ per diversi giorni in alcune delle stesse aree cerebrali, mentre mostra anche distinti cambiamenti nelle strutture limbiche tra l'agopuntura vera e quella placebo

Questo studio suggerisce che il meccanismo d'azione dell'agopuntura per l'occhio secco può essere dovuto più alla modulazione dell'intensità del dolore, piuttosto che alla modulazione della funzione della ghiandola lacrimale. 

Non sono stati riscontrati miglioramenti del flusso lacrimale, nel TBUT o nella colorazione della superficie oculare, che sono indicatori più obiettivi del DED. 

Tuttavia si sono riscontrati miglioramenti statisticamente significativi nei sintomi DED in entrambi i gruppi di trattamento a 1 settimana dopo il trattamento.

Questo studio è molto affidabile: perchè lo studio prospettico è stato controllato in doppio cieco, randomizzato, usando l'agopuntura placebo come controllo. 

Ciò quantifica i potenziali pregiudizi e l'effetto placebo. 

Dopo che i soggetti hanno completato tre sedute di trattamento a settimana per un periodo di studio di 3 settimane, gli autori non hanno riscontrato differenze statisticamente significative nel test OSDI, TBUT o Schirmer rispetto al basale tra gruppi di agopuntura vera e placebo. 

 I nostri risultati nel trovare una diminuzione statisticamente significativa dell'OSDI tra gruppi di agopuntura veritieri e placebo possono essere spiegati con la differenza nella metodologia dell'agopuntura. 

Poiché il meccanismo d'azione dell'agopuntura è ancora ampiamente sconosciuto, è possibile che questo metodo sia più efficace per il trattamento dei sintomi DED rispetto agli studi attualmente pubblicati o che il periodo di follow-up più lungo abbia catturato gli effetti ritardati dell'agopuntura. 

Questo studio ha incluso tutti i tipi di secchezza oculare, compresa la carenza acquosa (Sjogren) e l'occhio secco evaporativo (la rosacea ad esempio): mostra comunque un miglioramento dei sintomi dell'occhio secco utilizzando la vera agopuntura vera rispetto al placebo per almeno 6 mesi dopo il trattamento.

I pazienti che si sono sottoposti a un vero trattamento di agopuntura hanno utilizzato meno lacrime artificiali rispetto a quelli che hanno ricevuto l'agopuntura placebo, questo potrebbe aiutare a ridurre l'onere finanziario dell'occhio secco. 

L'agopuntura può essere un utile trattamento aggiuntivo per ridurre efficacemente i sintomi dell'occhio secco

 

Fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31114151

Autore

luigimarino
Dr. Luigi Marino Oculista, Medico legale

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso Università degli Studi di FIRENZE.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Milano tesserino n° 35175.

1 commenti

#1
Dr. Luigi Marino
Dr. Luigi Marino

Spesso si è portati a dare per scontato il ruolo delle lacrime.
Eppure, svolgono un’attività fondamentale per la salute dell’occhio, consentendone una lubrificazione costante.
Quando questo naturale meccanismo, che deve mantenersi attimo dopo attimo, non funziona a dovere, l’occhio si asciuga , fino a portare alla cosiddetta sindrome dell’occhio secco . Il quadro è estremamente diffuso, soprattutto tra le donne, tra gli anziani e tra quanti soffrono di allergia o sono comunque sensibili ai mutamenti atmosferici, ad esempio nelle giornate di vento.
Ma anche navigare sul web, da pc o smartphone, linkare e condividere qualche post, leggere un e-book o, ancora, sfidare un amico al social game del momento tutte abitudini che sono ormai parte integrante della quotidianità dell’uomo 2.0 rischiano di favorire questo disturbo.
In particolare, nel caso delle donne, la sindrome dell’occhio secco colpisce con una frequenza doppia rispetto agli uomini, a causa delle variazioni ormonali cui la donna è sottoposta.
Alcuni ormoni, infatti, contribuiscono a stimolare la produzione di lacrime; profonde variazioni del profilo ormonale come durante la gravidanza, la menopausa o, ancora, in postmenopausa, periodo durante il quale di frequente sono somministrate terapie estrogeniche possono portare a una riduzione della produzione di lacrime naturali.
Contribuiscono alla comparsa della patologia anche altri fattori ambientali, come l’inquinamento atmosferico o la permanenza in locali con aria condizionata. Questa condizione, pur non essendo grave, può incidere pesantemente sulla qualità di vita e predisporre a patologie più serie.

Nell’area dell’oftalmologia, peraltro, la ricerca dell’innovazione appare un elemento imprescindibile per lo sviluppo di nuove soluzioni terapeutiche. In questa dinamica si inserisce l’impegno dell ISTITUTO EUROPEO OCCHIO SECCO direttore Prof.LUIGI MARINO ,che punta a mettere a disposizione soluzioni innovative per il trattamento della sindrome dell’occhio secco.
In quest’area, inoltre, stiamo lavorando per individuare nuovi trattamenti. In particolare la Lubricina, un lubrificante naturalmente presente nell’organismo, è attualmente in valutazione in pazienti con occhio secco. Un ulteriore segnale di come la ricerca possa aprire nuovi percorsi terapeutici sino ad ora inesplorati.
In attesa di novità, meglio ricordare alcuni semplici consigli per ridurre i rischi.
Attenzione in primo luogo all’inquinamento ambientale e al fumo di sigaretta, che possono influire sulla componente lipidica delle lacrime rendendo meno efficace la loro azione lubrificante.
Per chi lavora in ufficio, poi, meglio non esagerare con l’aria condizionata: si riduce l’umidità ambientale, limitando anche la quantità di liquido lacrimale. Infine, attenzione a pc, smartphone e tablet: l’eccessivo tempo trascorso davanti agli schermi e la riduzione del fenomeno dell’ammiccamento facilita l’evaporazione del liquido lacrimale, favorendo la comparsa dei fastidi.

LUIGI MARINO MD PhD
ISTITUTO EUROPEO OCCHIO SECCO

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Oculistica?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio