x

x

Nuove tendenze in implantologia odontoiatrica

Dr. Enzo Di Iorio Data pubblicazione: 12 febbraio 2014

Alcune cose in implantologia odontoiatrica stan cambiando.

Per alcuni aspetti più che di nuove tendenze si tratta di un ritorno al passato, o quantomeno possiam dire che si è visto che alcuni dogmi che ci son stati insegnati tali non sono.

Dopo aver studiato e creato superfici implantari sempre più performanti e sempre più simili a ciò che gli osteoblasti (le cellule deputate alla formazione di nuovo osso) maggiormente gradiscono per funzionare meglio e secondo qualcuno (che conosce poco la biologia) in tempi più rapidi,

 osteoblasti

adesso stan tornando in auge impianti machined (a superficie liscia) perché si è capito che per il mantenimento nel tempo della riabilitazione implantoprotesica forse è più importante fornire un prodotto che sia poco attaccabile dai batteri rispetto ad un prodotto che abbia un più intimo contatto con l’osso (bisognerebbe poi davvero vedere se questo contatto è davvero più intimo, e ci son dati contrastanti a riguardo, e se questo supposto maggior contatto impianto-osso sia clinicamente significativo).

   Impianto

Un altro assunto quasi irrinunciabile è stato, ed è ancor oggi per molti che si occupano di implantologia, mettere l’impianto più lungo e più largo possibile compatibilmente con la disponibilità ossea della zona edentula che si va a riabilitare, sfruttare cioè al massimo l’osso disponibile.

Si è visto poi, e lo si sta capendo sempre più, che utilizzare un impianto molto largo può mettere in sofferenza i tessuti perimplantari che circondano il collo dell’impianto e compromettere l’estetica. Dunque meglio un impianto di minor diametro circondato da più osso e tessuti perimplantari più stabili.

  

 

E per quanto riguarda la lunghezza della vite implantare (la fixture) cosa ci dice la più moderna letteratura scientifica?

Ci dice che impianti di lunghezza inferiore a 10 mm (utilizzati anche nelle condizioni in cui son sottoposti a maggior stress meccanico) van bene come quelli più lunghi.

 

Altri studi autorevoli di autori altrettanto autorevoli spostano ancora più in basso la sbarra e dicono che non ci son differenze neanche se gli impianti son di lunghezza uguale o inferiore ad 8 mm.

 

Vedremo dove ci porteranno queste nuove “tendenze” che per alcuni aspetti abbiam visto rappresentare un ritorno al passato.

Il fine ultimo di tutto questo percorso di ricerca è sempre e comunque fornire al paziente una riabilitazione che possa garantirgli per molti molti anni funzione e naturalmente estetica.

Autore

enzodiiorio
Dr. Enzo Di Iorio Dentista, Odontostomatologo

Laureato in Odontoiatria nel 1998 presso Università degli studi di Chieti.
Iscritto all'Ordine degli Odontoiatri di Chieti tesserino n° 355.

6 commenti

#1
Dr. Armando Ponzi
Dr. Armando Ponzi

Enzo,
complimenti per la news che ha il merito di toccare argomenti di piena attualità, di revisione critica e di cambiamento.
E l'implantologia guidata?

#2
Dr. Enzo Di Iorio
Dr. Enzo Di Iorio

Grazie Armando.
Per l'implantologia guidata hai scritto già così bene tu che non avrei avuto nè saputo aggiunger altro, è senz'altro qualcosa di affascinante e senza dubbio segnerà ancor più nel futuro la storia dell'implantologia.
Rimando volentieri i lettori ai tuoi scritti per un approfondimento sull'argomento:

https://www.medicitalia.it/minforma/odontoiatria-e-odontostomatologia/1655-che-cos-e-l-implantologia-guidata.html

https://www.medicitalia.it/blog/odontoiatria-e-odontostomatologia/1832-il-paziente-digitale-in-odontoiatria.html

#3
Dr. Daniele Tonlorenzi
Dr. Daniele Tonlorenzi

Complimenti davvero bello con la bibliografia inserita correttamente.
Bravo

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche implantologia 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Odontoiatria e odontostomatologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Soffri di allergia? Partecipa al nostro sondaggio

Contenuti correlati