Papà dove sei? L'importanza della figura paterna per i bambini

Dr.ssa Alessandra D'AlessioData pubblicazione: 17 gennaio 2016

figliLa nostra è un'epoca in cui i genitori sono molto attenti al destino dei proprio figli, tentano disperatamente di risolvere qualunque loro piccolo problema, tralasciando, talvolta, la qualità del rapporto con il proprio figlio o la propria figlia, senza rendersene conto.

Il padre ha una funzione educativa molto importante, ha una potenza simbolica forte per le femminucce e ancor più per i maschietti.
Se viene meno tale riferimento, se la figura paterna occupa un posto secondario o marginale, nei figli incalza sempre più un profondo senso di insicurezza, inquietudine e smarrimento.

I padri moderni sono sospesi tra il vecchio modello di padre padrone ed nuovo modello che si avvicina molto di piu' ad un compagno di giochi che ad una figura di riferimento essenziale nella vita dei propri figli. Di tale dato abbiamo una evidenza nella clinica, padri che non incarnano piu' un limite alle eccessive pulsioni infantili e che non trasmettono piu' un modello di vita che da un lato inserisca "la regola" e dall'altro "il sogno".

Ne abbiamo una evidenza nei Disturbi da Deficit di Iperattività dove il bambino si abbandona a forme di attività estreme perchè non ha la possibilità di elaborare nella maniera corretta le difficoltà relazionali, affettive e sociali in cui si imbatte nel corso del suo cammino evolutivo.

E' proprio in queste situazioni critiche che il nostro lavoro deve darsi come obiettivo quello di re-inserire nella vita del bambino il padre nella sua veste simbolica di regolatore del funzionamento libidico e favorire cosi' nel bambino una buona autostima e fiducia in se stesso.

Anche la psicoanalisi offre la possibilità di percorsi brevi in cui i genitori possono ritrovare e valorizzare le proprie coordinate educative. Non bisogna esitare nel chiedere un aiuto laddove nel proprio percorso educativo, ci si senta confusi ed incerti sulle decisioni prese e su quelle da prendere e, nonostante si faccia tutto il possibile per vedere i propri figli sereni e con una sufficiente autostima, ci si accorge che le cose stanno andando diversamente.

Autore

adalessio
Dr.ssa Alessandra D'Alessio Psicologo, Psicoterapeuta

Laureata in Psicologia nel 2000 presso la sapienza di roma.
Iscritta all'Ordine degli Psicologi della Regione Lazio tesserino n° 10294.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche genitori 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Psicologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test

Contenuti correlati