Tumore della prostata: un aiuto dall'ecografia 3D

Dr. Giovanni BerettaData pubblicazione: 25 settembre 2012

Il tumore della prostata colpisce in Italia oltre quarantamila uomini all’anno e le previsioni parlano di cinquantamila nuovi casi attesi per il 2030 per il naturale invecchiamento della nostra popolazione.

Al 19° Congresso Nazionale dell’Associazione Urologi Italiani (AURO), in corso in questi giorni a Genova, si è prospettata un’importante novità diagnostica, rappresentata dalla possibilità di effettuare una biopsia prostatica ecoguidata usando un ecografo 3D, cioè che dà delle immagini a tre dimensioni.

Tumore della prostata in situ
Tumore localizzato alla prostata

Il collega Paolo Puppo, responsabile dell’Urologia Oncologica dell’Istituto Humanitas di Castellanza, ha spiegato in modo molto preciso che: «La tecnologia usata finora, per le biopsie alla prostata, richiede un mappaggio con molti prelievi di tessuto per aumentare la probabilità di cogliere le lesioni neoplastiche che si vuole diagnosticare, poiché con una guida ecografica tradizionale non si sa esattamente dove l’ago preleva il campione.

Con la tecnologia a 3 Dimensioni, grazie a un software che associa ecografia e imaging, è possibile seguire il passaggio dell’ago bioptico, vedere esattamente dove si preleva e si campiona il tessuto, con una registrazione dei tragitti fatti, cosa utile anche per un’eventuale e successiva biopsia».

Da queste premesse la nuova metodica diagnostica dovrebbe rivoluzionare le nostre attuali procedure di ricerca del tumore e permettere così di aumentare la capacità di individuare, in modo più mirato e preciso, il punto da biopsiare.

In questo modo, in sintesi estrema, se con la metodica ora in uso per ogni 100 biopsie fatte si arriva ad individuare un tumore nel 25% dei prelievi, con la nuova apparecchiatura ecografica 3D le percentuali dovrebbero significativamente aumentare e quindi le biopsie inutili o falsamente negative dovrebbero diminuire drasticamente.

Questo dato dovrebbe poi naturalmente essere associato a una diminuzione di una seconda biopsia, proposta diagnostica ora facile e frequente quando la prima risulta dubbia.

 

Altre informazioni:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-le-malattie-della-prostata-stili-di-vita-prevenzione-e-nuove-indagini-diagnostiche.htmle-malattie-della-prostata-stili-di-vita-prevenzione-e-nuove-indagini-diagnostiche

https://www.medicitalia.it/salute/prostata

Autore

giovanniberetta
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1977 presso Università di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Firenze tesserino n° 12069.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Urologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa