Mai fare la pipì in piscina!

Dr. Giovanni BerettaData pubblicazione: 02 aprile 2014

Questa è l’indicazione categorica e negativa che emerge da un complesso lavoro, pubblicato in questi giorni sulle pagine della rivista Environmental Science & Technology, e condotto da alcuni ricercatori del Dipartimento di Chimica Applicata dell’Università di Pechino e dalla Scuola di Ingegneria Civile dell’Università di Purdue dell’Indiana (USA).

Alzi la mano chi immerso nell'acqua di una piscina non ha mai fatto la pipì!

giovanniberetta_images-23

Ebbene ora è stato dimostrato che l’urina che noi, un po’ inconsapevolmente ed incoscientemente, facciamo una volta immersi nell’acqua, più o meno tiepida, di una piscina, quando si mescola con il cloro, normalmente usato per disinfettare l’acqua qui presente, può scatenare la produzione di alcune sostanze chimiche dannose per il nostro sistema nervoso, per il nostro cuore e i nostri polmoni.

Due prodotti, in modo particolare, sembrano essere veramente dannosi e sono il tricloruro d’azoto, pericoloso per i polmoni, ed il cloruro di cianogeno che sembra avere effetti tossici anche sul sistema nervoso centrale, sul cuore e ancora sui polmoni.

Dalle valutazioni attente e precise, fatte dai nostri ricercatori, si è arrivati a calcolare che più del 90% di questi prodotti e composti chimici, dannosi per il nostro organismo e più o meno presenti nell’acqua delle piscine, viene formato perché noi si fa la pipì nella vasca tra una nuotata e l’altra.

giovanniberetta_uri-guard300

Da questa ricerca arriva ora la chiara indicazione a cambiare, senza esitazioni, questa nostra non corretta e cattiva abitudine a fare, senza problemi e sensi di colpa particolari, la pipì nell’acqua delle piscine che frequentiamo e questo per migliorare la loro sicurezza e la loro salubrità.

D’altro canto quale è la piscina che non ha al suo interno dei servizi igienici facilmente disponibili e quindi, senza problemi, utilizzabili?

 

Fonte: http://pubs.acs.org/doi/abs/10.1021/es405402r

 

Autore

giovanniberetta
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1977 presso Università di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Firenze tesserino n° 12069.

3 commenti

#2
Dr. Giovanni Beretta
Dr. Giovanni Beretta

Nel mare non viene utilizzato il cloro "per disinfettare l’acqua"!

#3
Dr. Chiara Lestuzzi
Dr. Chiara Lestuzzi

Io -da quando ho l'età della ragione- non l'ho mai fatta semplicemente perché penso che il volume di acqua è limitato e che se solo la metà delle persone che ci vanno lo fa l' effetto diluizione va a farsi benedire (nel mare la quantità di acqua è taanta di più, e onde e correnti facilitano la diluizione). E pensavo che quindi la disinfezione standard poco facesse: non avevo mai pensato che la combinazione urina/cloro fosse addirittura dannosa! Grazie per l'informazione.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche urina 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Urologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio