Prostata: il lato oscuro di alcune terapie

Dr. Giovanni BerettaData pubblicazione: 11 agosto 2014Ultimo aggiornamento: 23 ottobre 2017

Con l’età la prostata di un uomo tende ad aumentare di volume, in medicina questa problematica clinica viene chiamata anche ipertrofia prostatica benigna.

Dato che questa ghiandola è costituita da tessuto particolarmente sensibile alla “stimolazione” androgenica, in particolare può aumentare di volume se presente il metabolita attivo del testosterone, il 5 alfa-diidrotestosterone, che viene prodotto partendo proprio dal testosterone attraverso l’azione di un enzima, la 5 alfa reduttasi, in questi anni si era pensato all’utilizzo di alcuni inibitori di questo enzima come possibile terapia capace di contrastare la produzione di diidrotestosterone e quindi inibire la crescita della ghiandola prostata e i suoi eventuali e fastidiosi sintomi ostruttivi.

giovanniberetta_Luts_IPB
Il getto varia con l'età e il relativo aumento della prostata 

In questi anni due sono state le sostanze che, con questa indicazione, si sono affermate, in campo urologico, come possibili e valide strategie terapeutiche: la Finasteride e la Dutasteride.

Questi farmaci in effetti hanno dimostrato, a livello clinico, di essere molto utili, in presenza di una ipertrofia prostatica benigna, sulla riduzione del volume della ghiandola e sui relativi sintomi ostruttivi, compresa la ritenzione cronica ed acuta di urina, riducendo anche in modo significativo le indicazioni al trattamento chirurgico di questa comune patologia urologica. A questo proposito esiste una immensa letteratura scientifica che conferma i positivi risultati clinici ottenuti con questi farmaci.

giovanniberetta_dutasteride
Molecola di Dutasteride

Detto questo però non si devono mai dimenticare gli importanti effetti collaterali, legati all’utilizzo, a volte poco mirato, degli inibitori delle 5 alfa reduttasi.

Un invito alla prudenza e a non dimenticare che questi prodotti sviluppano complesse problematiche ormonali ci viene ora suggerito da una importante revisione della letteratura scientifica condotta, su questo argomento, da alcuni ricercatori del Dipartimento di Urologia dell’Università di Boston.

Viene ricordato da questi studiosi che le 5 alfa reduttasi, soprattutto le isoforme 1-3, sono ampiamente distribuite in diversi tessuti del nostro organismo, compreso il sistema nervoso centrale, e quindi l’azione di inibizione di questi enzimi può portare al blocco della sintesi di alcuni ormoni chiave e di diversi steroidi neuro-attivi, situazione questa che può spiegare tutti i diversi effetti collaterali negativi che si possono determinare, quali riduzione e perdita del desiderio sessuale, disfunzioni dell'erezione e dell’orgasmo, depressione e, vista l'ampia diffusione delle 5 alfa reduttasi nel nostro organismo, anche possibili problemi vascolari, cardiaci e aumento del grado di indifferenziazione di un eventuale tumore della prostata.

Tutto questo naturalmente può influire negativamente anche sulla salute psicologica e sulla qualità generale della vita di un uomo; tutti questi effetti collaterali, soprattutto per i medici che più facilmente prescrivono questo tipo di farmaci, devono essere ben conosciuti.

I medici inoltre, questo è il mio consiglio, soprattutto quando l’indicazione per l'utilizzo di questi prodotti ha finalità esclusivamente estetiche e non urologiche, devono sempre comunicare ai propri assistiti queste informazioni "negative" sugli inibitori della 5 alfa reduttasi, prima di iniziarne la loro somministrazione.

 

Fontehttp://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4064044/

 

Altre informazioni sull'argomento:

 

Autore

giovanniberetta
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1977 presso Università di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Firenze tesserino n° 12069.

7 commenti

#1
Utente 451XXX
Utente 451XXX

Buongiorno,mi viene da considerare che se possibile in assenza di grave ipertrofia prostatica o condizioni gravi ,converrebbe "sopportare" i diversi disturbi piuttosto che gli effetti secondari della terapia ....grazie

#2
Dr. Giovanni Beretta
Dr. Giovanni Beretta

Dipende sempre dal problema clinico reale che si deve affrontare ma comunque il mio consiglio, soprattutto quando l’indicazione per l'utilizzo di questi prodotti ha finalità esclusivamente estetiche e non urologiche, rimane quello di tenere sempre presenti tutti i possibili e complessi effetti collaterali associati.

#3
Utente 336XXX
Utente 336XXX

Salve, vorrei sapere se Proscar 1 mg assunta da anni contro l’alopecia androgenetica può impedire o rallentare o diminuire lo sviluppo di massa muscolare nel body-building, grazie

#4
Dr. Giovanni Beretta
Dr. Giovanni Beretta

Non drammatizzi e segua le indicazioni del suo dermatologo di riferimento.

#6
Utente 563XXX
Utente 563XXX

caro dott. il mio problema e quando urino il getto e lento cosa mi consiglia di fare

#7
Dr. Giovanni Beretta
Dr. Giovanni Beretta

Sempre sentire in diretta un bravo ed esperto urologo.

Si ricordi che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione mirata e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche prostata 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Urologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati