Noduli alla vena peniena

Buongiorno, mi è stata diagnositcata, da accertare con ecodopler, una trombosi della vena peniena, localizzata alla base del pene risalente per cualche centimetro il pube.- Il dolore non è intenso ma si avverte constante, avvolte aumenta con il cambio di posizione.- Ho una attività sessuale modesta, con episodi di masturbazione, e un'attività ciclistica di media intensità (2-3 occasioni alla settimana per non più di 1.5-2 ore)
Volevo sapere, se è consigliabile evitare lo sport allo stesso modo della attività sessuale.-
GRAZIE!

[#1]
Dr. Gino Alessandro Scalese Urologo, Andrologo 6k 127 170
Gentile utente,

lo sport non è indicato in situazioni come le sue. Cerchi soprattutto di evitare indumenti troppo aderentei (es. tuta da ciclista).

Cordiali saluti
Gino Scalese

[#2]
dopo
Utente
Utente
GRAZIE ancora!! e non solo per il suo consiglio, ma soprattutto per la celerità della risposta!!
[#3]
Dr. Gino Alessandro Scalese Urologo, Andrologo 6k 127 170
Prego!
[#4]
dopo
Utente
Utente
Gent.imi Dottori:
ho fatto l'ecodopler di cui ne parlo nel primo messaggio e il referto indica tutto nella norma reltivamente ai corpi cavernosi e corpo spongioso (per ecostruttura), alle tuniche dartos (che non presentano apprezzabili alterazioni), alla pervarietà dei vasi venosi (dorsale del pene in particolare) ed arteriosi, tranne la segnalazione di lieve rallentamento del flusso nella vena dorsale del pene.-
Faccio presente che ho azzerato ogni attività, tanto sportiva come sessuale in quanto avverto una certa "molestia", non costante ma pungente, alla base del pene solo dalla parte destra, che aumenta in fase di erezione se il pene viene sollecitato veso il basso producendo una sensazione di "stiramento" al quanto fastidioso.-
Vorrei sapere a ché può essere dovuta questa situazione, consecuenze a corto e lungo termine, precauzioni, se esiste la possibilità di revertirla e, se sì, come.-
Certo di una Vs. risposta, Vi ringrazio con riconoscenza e Vi saluto cordialmente!
[#5]
Dr. Gino Alessandro Scalese Urologo, Andrologo 6k 127 170
E' giunto il momento di far visionare il tutto al suo andrologo per la giusta terapia.
[#6]
dopo
Utente
Utente
Prima di tutto, La ringrazio per la Sua disponibilità, e sottoporrò a un andrologo tutta l'informazione disponibile.- Comunque, rispettando la Sua professionalità e tenendo conto dell'informalità e la precarietà di questo mezzo di comunicazione, avrei gradito una Sua ipotesi, in quanto tale, non vincolante.-
Grazie ancora! e cordiali saluti!
[#7]
Dr. Gino Alessandro Scalese Urologo, Andrologo 6k 127 170
Putroppo non potendola visitare bisogna presupporre, nel senso che potrebbe essere ad esempio una placca peniena, o come da lei supposto una trombosi o infiammazione di una vena superficiale del pene, una infiammazione di un bulbo pilifero ecc. Come vede le possibilità sono variegate come pure lo è una eventuale terapia ecco perchè la necessità di una approfondita visita.
[#8]
dopo
Utente
Utente
E' stato molto gentile!
Grazie ancora! e cordiali saluti!
[#9]
Dr. Gino Alessandro Scalese Urologo, Andrologo 6k 127 170
Prego!
[#10]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno! come da Lei ipotizzato, l'andrologo mi ha diagnosticato una "trombizzazione del sistema venoso superficiale del pene", escludendo categoricamente le altre posibilità.- Non essendoci cause riscontrabili a mia memoria come traumi, insistenza di una pressione sulla zona dovuta ad abbigliamento o arnesi tipo cinture di sicurrezza, ecc, può essere dovuta semplicemente a un lento deflusso sanguigno, per esempio dopo una erezione prolungata.- Comunque, benchè non è un quadro clinico preoccupante, non è da trascurare.-
Essendo che è entrata spontaneamente nella fase terminale con dolore in diminuzione, per cui in caso di dolore persitente mi ha consigliato di assumere FANS tipo BRUFEN compressa 600 mg, ma che non si può parlare di guarigione, mi ha affermato che per arrivarci ci vuole tempo, che potrebbe riacutizzarsi e in questo caso mi ha consigliato una terapia con EBPM, oltre a non esitare a ricontattarlo.- Le precauzioni da prendere sono di evitare abbigliamento aderente, qualsiasi pressione sulla zona pelvica e di assecondare il normale corso dell'erezione.- Tenendo conto di tutto ciò, è ammessa una attività sportiva o sessuale moderata.-
Nel ritenere opportuno riferire quanto mi è stato detto, colgo l'occasione per salutarla cordialmente!
[#11]
Dr. Gino Alessandro Scalese Urologo, Andrologo 6k 127 170
L'attività sportiva non è controindicata. Limitazione all'attività sessuale sino a che persiste il dolore in erezione e/o durante o dopo atto sessuale.
[#12]
dopo
Utente
Utente
GRAZIE!! per la Sua disponibilità!
Cordiali saluti!!
[#13]
Dr. Gino Alessandro Scalese Urologo, Andrologo 6k 127 170
Prego!

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio