Utente 249XXX
Salve dottori, mi permetto di chiedere qui un chiarimento per una cosa che ho riscontrato ieri, e che sono certo non avevo prima. Premesso che ho tolto anni fa il frenulo, varicocele e idrocele post varicocele, ma penso che nel contesto non conti, visto che riguarda la parte superiore del solco banalo prepuziale (quella che vedo abbassando la testa col pene scoperto x capirci), zona centrale a ridosso dello stacco tra la parte più dura e l'inizio della pelle più morbida. In ogni caso, ieri lavandomi ho riscontrato una sorta di "ossicino " duro al centro della parte alta del solco balano prepuziale.. Lavandolo ho sentito un po' duro...è una sorta di archetto di 1-2 cm massimo, quasi fosse una vena più dura non saprei, anche se non credo sia una vena indurita. Posso solo dire che ieri ho avuto il pene in erezione x un periodo di tempo discretamente lungo, e dopo qualche giorno di riposo ho avuto 2 eiaculazioni (se può c'entrare qualcosa, mi scuso per i dettagli). Premetto che nn ho mai avuto rapporti. Posso garantire che c'è il "problema" realmente in quanto lo tasto col dito... Con le dovute molle, lo so che a distanza è difficile, in attesa di un eventuale controllo medico, spero possa avere qualche informazione: cosa può essere? Può essere dovuto al fatto che è stato molto in erezione? Conviene aspettare e monitorare x qualche giorno augurandomi che si possa sgonfiare da solo? La cosa strana è che a me sembra tipo ossicino quando tocco, x intenderci. Grazie e mi scuso se sn stato poco chiaro, se possono essere ulteriori spiegazioni migliori - al netto dei limiti del consulto a distanza - ve ne sarei grati perchè sono molto demoralizzato e preoccupato, spero nn sia nulla da dover togliere o qualcosa di male. Non ho alcun dolore, in ogni caso, penso sia importante aggiungere. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Marco Fasbender Jacobitti

24% attività
20% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
SANT'ANTIMO (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2018
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
non si soffermi troppo sul "monitoraggio" di ciò che avverte. Se ha riscontrato un'anomalia, una condizione nuova rispetto al passato non aspetti altro tempo e prenoti una visita andrologica. Sono un'ispezione visiva dei suoi genitali può chiarirne la natura.
Cordialmente,
Marco Fasbender Jacobitti, MD
www.andromed.it