Utente 184XXX
Gentili dottori, vi espongo brevemente il mio quadro clinico (ragazzo di anni 28):
1)ho eseguito spermigramma con esito di azoospermia e con presenza di numerosi spermatidi e spermatotici;
2) eseguite due ecografie in cui è stato ravvisato appena un varicocele di primo grado sotto sforzo nel testicolo sinistro;
3) ho eseguito gli esami ormonali in cui tutti i valori sono nel range, tranne il dheas pari a 57 (risulta al di sotto del minimo (60) previsto per un ultracinquantenne; avendo io 27 anni dovrebbe essere minimo 161). Sugli esami ormonali specifico, inoltre, che: 1) l' FSH è 3,6 su un range compreso tra 1,7 e 12 (l'FSH, dunque, dovrebbe essere ok); 2) il testosterone totale è 3,48 su un range compreso tra 3 e 10,6.
Ora: l'ecografia fa escludere una azoospermia ostruttiva; l'FSH perfettamente nel range dovrebbe indurre (ma ciò non è comunque un dato necessariamente consequenziale)ad escludere azoospermia secretiva.
Tra le altre cose, ho ravvisato nel corso dell'ultimo anno una notevole diminuzione della libido.
Comunque sia , ai fini dell'azoospermia, mi è stata consigliata la seguente terapia:
a)Gonasi HP 2000, 1 fiala sottocute ogni 5 giorni x n. 4 fiale
b)Clomid, 1 cp al giorno x 5 giorni al max per 2 mesi
A vostro giudizio potrebbe essere risolutiva rispetto alla azoospermia sopra esposta?

In aggiunta ai farmaci sopra indicati, al fine di aumentare lo stimolo sessuale, mi sono stati indicati anche i seguenti farmaci:
c)testovis, mezza fiala intramuscolare a settimana x 4 settimane (1 confezione da 2 fiale)
d)taladafil 10 mg, 1 compresa ogni 5 giorni per n. 4 compresse (1confezione da 4 compresse)

A me personalmente interessa primariamente risolvere il problema dell'azoospermia e, se non ho capito male, quest'ultimi 2 farmaci sono, in relazione a tale problema, in contrasto con i primi due.
La terapia prescrittami sortisce solitamente effetti positivi/risolutivi?

Resto in attesa di Vostro riscontro,
Grazie.

[#1]  
Dr. Edoardo Pescatori

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MODENA (MO)
LUGO (RA)
BOLOGNA (BO)
PARMA (PR)
VERONA (VR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
la cautela è d'obbligo commentando a distanza una situazione delicata quale l'azoospermia.
Innanzitutto per parlare di azoospermia dovrebbe essere stata fatta una ricerca - risultata negativa - anche dopo centrifugazione del liquido seminale, meglio (ma non obbligatoriamente) su due distinti spermiogrammi.
Se confermata l'azoospermia andrebbero condotte anche specifici test genetici (ne parli con l suo Andrologo di riferimento).
Da ultimo se il suo obiettivo primario è perseguire l'ottimizzazione della sua fertilità, ... è un non-senso l'utilizzo del testovis, che di sicuro la peggiorerà.

Cordialmente,
Dott. Edoardo Pescatori
Specialista in Urologia - Andrologo
www.andrologiapescatori.it

[#2] dopo  
Utente 184XXX

Gentile dottore,
la ringrazio per la risposta.
Purtroppo ho già eseguito due spermiogrammi con centrifugazione e in entrambi è stata rinvenuta la sola presenza di spermatidi e spermatoci.
Successivamente ho eseguito test ormonali nei quali tutti i valori sono risultati nel range, ivi incluso l'fsh che in questo caso dovrebbe essere solitamente alto.
Detto questo, mi chiedevo se l'assunzione di Gonasi e clomid nelle dosi indicate possa costituire o meno una soluzione al problema? Mi chiedo, ad esempio, se tale terapia abbia o meno l'effetto di fare maturare gli spermatidi presenti.
Sono terapie -leggevo- utilizzate proprio per l'azoospermia, ma mi chiedevo se vi fossero evidenze scientifiche tra l'utilizzo di questi farmaci e chi in concreto abbia risolto questo problema (che mi affligge)?
In attesa di Suo riscontro,
Un cordiale saluto

[#3]  
Dr. Edoardo Pescatori

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MODENA (MO)
LUGO (RA)
BOLOGNA (BO)
PARMA (PR)
VERONA (VR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Come le dicevo prima di procedere a tentativi di trattamento sarebbe utile completare la diagnostica con i test genetici.
Dott. Edoardo Pescatori
Specialista in Urologia - Andrologo
www.andrologiapescatori.it

[#4] dopo  
Utente 184XXX

Capisco. Ma il completamento degli esami genetici possono solo fornire una risposta (peraltro eventuale) in ordine al profilo eziologico dell'azoospermia. Dunque, una volta accertato questo, presumo che l'alternativa permarrebbe la medesima: o tentare la terapia ormonale o l'ICSI. Di conseguenza, non ha comunque senso fare quantomeno un tentativo con la terapia prescrittami, peraltro della durata di circa un mese? E comunque, anche a prescindere da questo dato, può dirmi se, in generale, vi sono ipotesi di azoospermia rispetto alle quali la terapia ha avuto un riscontro positivo?
Grazie

[#5]  
Dr. Edoardo Pescatori

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MODENA (MO)
LUGO (RA)
BOLOGNA (BO)
PARMA (PR)
VERONA (VR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Il senso di test genetici è capire se ci sono cause genetiche (possibili anche se poco probabili) ed eventualmente quali per l'azoospermia. Ciò non per un capriccio formale, ma perché a seguito dei risultati si potrebbero anche identificare delle cause non curabili, in cui i trattamenti che le sono stati prescritti non avrebbero possibilità di successo, e cioè verrebbero fatti inutilmente.
Dott. Edoardo Pescatori
Specialista in Urologia - Andrologo
www.andrologiapescatori.it

[#6] dopo  
Utente 184XXX

Perfetto. Conseguentemente, se dall'esame genetico non dovesse risultare una causa genetica, si potrebbe tentare con un trattamento ormonale, quale quello che le ho indicato? Ed, inoltre, rispetto a soggetti la cui azoospermia non abbia una matrice genetica, le suddette cure hanno statisticamente avuto un riscontro positivo?
Grazie

[#7]  
Dr. Edoardo Pescatori

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MODENA (MO)
LUGO (RA)
BOLOGNA (BO)
PARMA (PR)
VERONA (VR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Se i genetici sono negativi si può tentare un trattamento ormonale, che in alcuni casi possono dare esiti positivi.
Dott. Edoardo Pescatori
Specialista in Urologia - Andrologo
www.andrologiapescatori.it