Utente 565XXX
Salve,

E' da circa inizio settembre che provo un dolore discontinuo ai testicoli (in particolare destro) ma per tempo e un po' di imbarazzo non mi sono mai fatto vedere. Il dolore durante la giornata insorgeva in momenti casuali, in particolare al risveglio e da seduto e verso inizio pomeriggio terminava o calava molto. Nei primi 15/20gg è stato un po' forte, non troppo da impedire i movimenti ma piccoli tratti che mi causavano anche mal di pancia (spesso risolto con peti o defecazione) ma al di là di tutto il dolore partiva dal testicolo destro, ed in alcuni casi dal sinistro ma più attenuato. Nei giorni successivi fino ad oggi, il dolore è gradualmente calato, fino ad arrivare a quest momento dove praticamente è terminato o si ripresenta 1/2 volte al giorno con bassa intensità.

Un giorno il testicolo destro mi faceva un male atroce (uno dei primi giorni) e ricordo che risolsi turto con un bidet di acqua tiepida/fredda, per il resto della giornata non sentii più nulla. Una cosa che non ho detto, da ieri (forse dovuto allo sport) sento un leggero rigonfiamento nella parte destra inferiore poco sopra l'Ileo.

Ora come anticipato la situazione è migliorata senza aver fatto niente, ma vorrei avere un parere da qualcuno che ne capisce di più, per valutare se farmi vedere.

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

in questi casi è sempre consigliata una valutazione clinica diretta con il proprio andrologo od urologo di riferimento.

Nel frattempo, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su eventuali problemi di natura andrologica che interessano i giovani uomini le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-prevenzione-andrologica-eta-pediatrica-puberale.html

Qui potrà trovare tutte le raccomandazioni su come fare correttamente l'autopalpazione del testicolo.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com