Utente 161XXX
Gentili dottori,
Innanzitutto vi ringrazio del vostro tempo.

Vorrei sottoporvi un problema.

Sono un uomo di 40 anni, sono alto 185 cm e peso 77 kg.

Ho un continuo desiderio sessuale...
ho una vita sessuale "normale"...
mia compagna abitando lontano la vedo una volta ogni 30_45 giorni.
.
.
ed abbiamo delle relazioni sessuali a dire "ottimali"...
per esempio in 3 giorni abbiamo dei rapporti per 8-10 volte...
appena finiamo il rapporto, dopo 5 minuti io risento il desiderio di avere ancora dei rapporti.
.
.

Nel periodo che non la vedo, essendo monogamico, pratico l'autoerotismo normale.
.
all'inizio era una volta ogni 3-4 giorni ma adesso sta diventando una "necessità" di tutti i giorni, a volte anche 3 volte al giono...
non so nemmeno io cosa mi sta accadendo...

Negli ultimi tempi ho notato anche un leggero rigonfiamento sotto il glande, nell'asta...
per ora non averto alcun dolore.
.
.
.

Per darvi un esempio, una volta praticato l'autoerotismo, passati 30 minuti sento ancora il desiderio di doverlo rifare.
.
.
.
e sento il mio corpo rispondere da solo.
.
.
.

Negli ultimi tempi mi è stata diagnosticata una leggera anemia, fortunatamente con gli ultimi esami di oggi rientrata, e mi è stato prescritto l'assunzione del ferro e della vitamina B.

Ho notato però che quando sto assumendo il ferro e la vitamina B, ho delle erezioni notturne continue...
.
non mi provocano alcun dolore.
.
.
anzi sono accompagnati dal desiderio.
.
.
.

Con tutta onestà non sto capendo cosa mi sta succedendo...
.
sono sempre stato molto attivo come persona sessualmente però così mi sta mettendo un po' in difficoltà...
.
.
.

Ho pensato di fare una visita andrologica /urologica/psicologica per vedere se il mio problema è di tipo patologico o psicologico...
.
.

Vi ringrazio ancora del Vostro tempo

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

ha pensato bene; ora è indispensabile una prima valutazione andrologica per ben comprendere il suo problema sessuale.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica diretta rappresenta il solo strumento per poterle dare poi eventualmente, quando possibile, un’indicazione clinica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com