Utente 456XXX
Salve,sono una ragazza di 25 anni. In data 14/06/2017 sono stata sottoposta ad un'intervento andato a buon fine di ernia ombelicale in anestesia spinale.. Da quel giorno non ho riscontrato nessun tipo di complicanza per quanto riguarda la guarigione della ferita e quant'altro.. Infatti ai 25 giorni di convalescenza ho deciso di rientrare a lavoro(Sono un operatore socio assistenziale).Circa un giorno dopo il rientro a lavoro cioè martedì,avverto un dolore continuo che non mi lascia mai lungo la spina dorsale precisamente dove è stata fatta la puntura spinale e ho notato un rigonfiamento della parte dolente.La cosa che mi preoccupa è che ad oggi con tutto l'antidolorifico che mi é stato assegnato (toradol gocce 15 al dolore) ho questo fastidio che noto migliorare solo quando ce l'effetto del toradol ma non mi abbandona mai..Da martedì ad oggi sono tre giorni circa che non riesco a svolgere nemmeno attività quotidiane al momento perché mi sento "bloccata".Volevo sapere se è un effetto collaterale della puntura che non è stata fatta a primo tentativo ma bensì al terzo,e per quanto tempo continuerá questo continuo fastidio.Il mio medico curante non ha saputo colmare le mie preoccupazioni,spero solo che non vado in contro a qualche danno permanente.. Da premettere che non ho mai sofferto di nessun tipo di mal di schiena.. Ringrazio e aspetto qualche risposta..

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Buon giorno, sono cose che possono succedere ed il più delle volte hanno un decorso benigno.
Tuttavia il consiglio che mi sento di darle, non potendola visitare, e' di farsi controllare al più presto dal suo anestesista che potrà valutare la portata del problema e porre eventuale indicazione ad accertamenti ulteriori.
Saluti.
La consulenza e' prestata a titolo
puramente gratuito secondo lo stile MedicItalia
Dottoressa Anna Maria Martin

[#2] dopo  
Utente 456XXX

Gentile dott.ssa dopo qualche giorno di mia iniziativa dato che continuavo ad avere quel "fastidio"insistente sono andata dall'anestesista..Ho spiegato l'accaduto e il decorso del dolore che ho finora anche se è diventato "sordo"per il momento senza antidolorifici. Mi ha prescritto una cura di cortisone e antidolorifico per 10 gg e ha mi ha detto di fare una risonanza magnetica al tratto lombo sacrale per escludere sia un ernia al disco.In base a quello che gli ho spiegato cioè quello che ho detto a lei sospetta questo o una contrattura muscolare,mi ha assicurato che la puntura spinale non è la causa.Sono un po nervosa a dir la verità perché non mi aspettavo queste conseguenze dato che non ho mai avuto nessun tipo di mal di schiena. Comunque al momento ho deciso di non prendere altro antidolorifico finché ne potrò fare a meno perché sto traendo molto beneficio dal riposo e dalla fascia contenitiva per la schiena.