Utente 468XXX

Buongiorno gentili dottori, vi riporto di seguito i risultati dell' eco-cardio di mio marito. Premetto che è il secondo consulto che vi chiedo. Mio marito è iperteso, in cura da 1 mese e mezzo con norvasc 10 mg. La pressione si sta stabilizzando intorno a 130/70 la sera, mentre il mattino appena sveglio è più altina, terapia comunqua ancora in via di definizione (la settimana prossima avremo la prima visita cardiologica. Nel frattempo questo è in sostanza l' eco-cardio di mio marito (52 anni)
Altezza: 170 cm Peso: 77kg Sup.Corp.: 1.88 m2
Indicazioni: Ipertensione arteriosa

VALUTAZIONI MORFO-FUNZIONALI E FLUSSIMETRICHE
AORTA: aorta ascendente di calibro ai limiti superiori di norma.
Aorta ascendente: 38.5 mm

VENTRICOLO SINISTRO: ipertrofia parietale moderata severa, di normali dimensioni e funzione di pompa. Non evidenti alterazioni della cinetica regionale. Alterato rilasciamento diastolico.
Diametro Diastolico: 48 mm
Spessore setto IV: 16 mm
Spessore parete Posteriore: 16 mm
Volume Diastolico: 83 ml ml/m2
Volume sistolico: 26 ml
Frazione d' eiezione: 69%

ATRIO SINISTRO moderatamente dilatato
Volume Sistolico 80 ml 42 ml/m2
ATRIO DESTRO: normali dimensioni.
VENTRICOLO DESTRO: non presenta dilatazione. Normale funzione di pompa.

VALVOLA AORTICA: morfologia verosimilmente bicuspi dalla fusione delle cuspidi destra e non coronarica. Calcificazioni delle cuspidi
LVOT: 23mm
V max 3 m/sec
Gradiente Max: 38 mmHg
Gradiente medio: 17 mm
AVA: 1.4 cmq
Rigurgito: trascurabile

VALVOLA MITRALE: lembi mobili.
Velocità E: 63 cm/s
Velocità A: 83 cm/s
Tempo decelerazione: 222ms
E/A: 0.76
Rigurgito: trascurabile

VALVOLA TRICUSPIDE: lembi mobili.
Rigurgito: lieve
PERICARDIO: INDENNE
VENA CAVA INFERIORE: calibro normale con normale escursione respiratoria

CONCLUSIONI
Finestra acustica parasternale non ottimale
Stenosi valvolare aortica moderata su valvola verosimilmente bicuspide. Ventricolo sx con moderata-severa ipertrofia, di normali dimensioni, cinetica regionale e funzione di pompa; disfunzione diastolica di grado I. Atrio sinistro moderatamente dilatato. Aorta di calibro ai limiti superiori. Sezioni destre nella norma per dimensioni e funzioni di pompa. Pressioni polmonari stimate nei limiti. Utile ecocardio transesofageo per definire la morfologia della valvola.

Gentili dottori sono molto preoccupata, quanto è grave? Ci sono indicazioni per un intervento chirurgico? Confido nel vostro parere di esperti, nel frattempo vi saluto cordialmente. Barbara

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci

32% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Al momento non sussiste indicazione chirurgica.
Dovrà effettuare controlli cardiologici mediante ecocardiogrammi seriati.

Nel frattempo tenete sotto controllo la pressione arteriosa.

In bocca al lupo.

GI
Per visite Ospedale San Raffaele:

https://www.clickdoc.it/prenota-visita/34600/giuseppe-iaci-cardiochirurgo

[#2] dopo  
Utente 468XXX

La ringrazio tantissimo dr. iaci. Nel frattempo abbiamo visto il cardiologo che ci ha sostanzialmente detto la stessa cosa. Ha inoltre modificato la terapia sostituendo il norvasc con coverlam 5\10 mezza compressa il mattino e mezza la sera. Con questa nuova terapi, che sta facendo da 10 giorni, la pressione però è un po più alta...non riesco a capire perché. Infine volevo farle un ultima domanda. L' aorta ascendente di 38.5 mm quanto è preoccupante? La ringrazio di nuovo dottore e le auguro un buon natale. Cordialmente.

[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci

32% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Le dimensioni dell'aorta sono praticamente normali. Non destano preopccupazione alcuna.

Per quanto rigarda la pressione spesso può essere difficile trovare il farmaco più corretto.
Parli di una eventuale modifica della terapia antipertensiva con il curante.

In ogni caso con ecocardiogrammi ogni 6/8 mesi, dovrebbe mantenere ogni cosa sotto controllo.

GI
Per visite Ospedale San Raffaele:

https://www.clickdoc.it/prenota-visita/34600/giuseppe-iaci-cardiochirurgo

[#4] dopo  
Utente 468XXX

Di nuovo grazie dottore. Cordialmente

[#5] dopo  
Utente 468XXX

Mi scusi dr. Iaci, un ultima domanda. Il cardiologo vuole rivedere mio marito tra un anno con ecocardio. Secondo lei 1 anno è troppo tempo? Oltre allla pastiglia di coverlam il cardiologo gli ha prescritto Cardioaspirina 100 mg per tre giorni la settimana. Poichè mio marito deve effettuare controlli annuali (esami del sangue + eco addome) dopo eradicazione hcv con i nuovi farmaci (grado di fibrosi f3) la cardioaspirina potrebbe influenzare questi esami?

[#6] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci

32% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Potrebbe andare bene come lasso di tempo.
Continui la Cardioaspirina senza problemi.

GI
Per visite Ospedale San Raffaele:

https://www.clickdoc.it/prenota-visita/34600/giuseppe-iaci-cardiochirurgo

[#7] dopo  
Utente 468XXX

"Potrebbe andare bene" nel senso che ci potrebbero anche essere dei problemi? Mi scusi sa dottore, ma sono molto preoccupata, ho solo mio marito al mondo e ho tanta paura. La terapia che sta seguendo al momento mio marito è stata modificata ed al momento è: 1 cpr di coverlam 10/5 il mattino + mezza cpr di norvasc 10 mg la sera e 1 cpr di cardioaspirina 100 mg per tre volte la settimana (lunedì, mercoledì e venerdì). Come le sembra? La ringrazio di nuovo dottore.

[#8] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci

32% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Potrebbe andare bene perchè se fosse un mio paziente le avrei consigliato un controllo ogni 6/8 mesi considerando il grado di ipertrofia parietale.

8 o 12 mesi non cambia comunque il discorso. Deve effettuare ecocardiogrammi seriati per identificare il momento preciso in cui intervenire per la sostituzione valvolare.

La terapia medica è adeguata.
Stia serena. Fortunatamente sono problemi di salute facilmente risolvibili.

GI
Per visite Ospedale San Raffaele:

https://www.clickdoc.it/prenota-visita/34600/giuseppe-iaci-cardiochirurgo

[#9] dopo  
Utente 468XXX

Grazie ancora dr Iaci, la saluto con l' ultima domanda (prometto che è l' ultima). C' è una possibilità che la stenosi non progredisca mai e che non si debba mai intervenire? Ecco ora la saluto, le auguro un buon fine anno e un meraviglioso inizio. cordialmente

[#10] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci

32% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
E' assolutamente improbabile considerando la giovane età di suo marito.

GI
Per visite Ospedale San Raffaele:

https://www.clickdoc.it/prenota-visita/34600/giuseppe-iaci-cardiochirurgo