Utente 592XXX
Buongiorno,
avrei bisogno di un consulto per mia madre (80 anni) in cura da settembre 2018 con PLAVIX 75 mg in seguito a intervento di stent coronarico.
Martedì prossimo dovrà essere sottoposta ad intervento per rimozione di un calcolo renale. L'intervento in origine era programmato per il 17 luglio ma a causa di un problema in reparto è stato rimandato.
Dietro consiglio del medico ha interrotto la terapia con PLAVIX il 10/07 (in preparazione dell'intervento del 17). Sempre dietro consiglio medico ha ripreso la terapia il giorno 16 e 17 per poi interromperla nuovamente in vista dell'intervento del 23/07.

Sono sufficienti 6 giorni di interruzione per scongiurare il rischio di emorragia?

Grazie mille per la gentilezza.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
si certo ma deve sostituire il Plavix con una eparina a basso peso molecolare , non ci dimentichiamo che ha degli stents.

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza