Utente
Buona sera avevo già chiesto un consulto lunedi, che diceva cosi

Ultimamente quando mi alleno in palestra (sala pesi) se mi misuro i battiti sono molto accelerati, toccano anche i 140 al minuto, ripeto che faccio sala pesi, quindi un movimento anaerobico.
Soffro di una Bav di II grado mobitz 1, quindi di solito i miei battiti sono bassi.
Fatta la prova da sforzo e non risulta nessuna patologia.
Soffro anche ci reflusso.
La mia domanda è : è possibile che durante uno sforzo intenso che dura pochi secondi il cuore arrivi a 140??Mi stavo dimenticando di dire che durante i sforzi + estremi la mia pressione non và mai oltre i 120 -75
Ed infine, un ora dopo aver terminato sala pesi il cuore è stabile sui 95 battiti al minuto, dopo qualche ora scende di nuovo a 60-65!!

Ora da Lunedi mi sono messo a fare anche 30 minuti di ellittica, il problema è che finito l'allenamento (30 minuti), mi viene un forte senso di nausea che si porta avanti per ore.
Si è ripresentato anche il vecchio dolore che avverto allo sterno (imputato è il reflusso.)
E' normale? Era da qualche mese che non faceva l'ellittica!!!

Grazie in anticipo a chi mi saprà dare una risposta.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
I sintomi che lei riferisce non destano alcuna preoccupazione. Ovviamente comprenderà che la pesistica non fa bene ad alcun cuore, oltre che alle giunture.
Arrivederci
Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Grazie Dr.Cecchini, ma io ero solo curioso di sapere come mai con l'ellittica (aerobico), dopo qualche minuto che finisco mi viene questo forte senso di vomito , che poi non vomito ma mi rimane per ore ed ore.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
La risposta ad uno sforzo nell'immediato e' un ipertono simpatico, ala quale segue poi, con il riposo un ipertono parasimpatico che a volte puo' essere molto prolungato ed intenso, come pare essere nel suo caso,.
Arrivederci
cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza