Utente 162XXX
Salve! Ho 39 anni e qualche giorno fa dopo un ecg al pronto soccorso per un attacco di panico mi é stata diagnosticata una sospetta sindrome di brugada. Specifico che sono una persona molto ansiosa e ogni tanto ho attacchi di panico. Comunque, ieri mi sono recato da un cardiologo, la cui diagnosi dopo l'ecg é stata: ritmo sinusite con F.V. di 96 b/m, in v1-V2 bbd incompleto e aspetto a tenda della ripolarizzazione a tipo brugada tipo 1 (accentuazione dell'aspetto posizionando più in alto gli elettrodi din v1-v2).Diagnosi: sindrome di brugada a basso rischio di morte improvvisa (pz asintomatico e assenza in famiglia di morti improvvise). Controllo tra un anno ed eseguire holter. Il cardiologo mi ha detto di stare tranquillo e che al 99% non può accadermi niente, essendo a basso rischio. Ma, non avendo forse capito bene qual'é il mio reale problema, vorrei, se possibile, qualche delucidazione in merito, e se posso realmente stare sereno . Il cardiologo mi ha inoltre detto che questo problema, io l'ho scoperto solo ora, ma é presente fin dalla nascita. Grazie anticipatamente per l'eventuale risposta!

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Se lei ha realmente un pattern da Brugada tipo 1 spontaneo non è proprio vero che può stare tranquillo, anche in assenza dei criteri maggiori di rischio. Su questo ci sono opinioni discordanti, ma sicuramente la maggior parte degli addetti ai lavori (gli aritmologi) rispettano molto di più il paziente con il Brugada tipo 1 (quello più pericoloso) rispetto al tipo 2 o 3 o al tipo 1 indotto dai farmaci. Lei a mio giudizio merita una adeguata stratificazione del rischio di sviluppare eventuali aritmie in futuro. Si afidi a un aritmologo che sia all'altezza della situazione.
Cordialmente
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#2] dopo  
Utente 162XXX

La ringrazio dottore per la celere risposta. Volevo specificare che fino a ieri assumevo daparox e Olanzapina per trattare i disturbi di panico; farmaci che il cardiologo ha detto che devo sospendere immediatamente. Da quello che Lei ha scritto, il brugada potrebbe anche essere causato dall'assunzione di questi farmaci antidepressivi? Quindi a Suo avviso, il fatto di non aver mai avuto sintomi di sincope( tranne tachicardia a causa dell'ansia generalizzata) e casi in famiglia non mi mette al sicuro come detto dal cardiologo e ribadito anche dal mio medico curante? Comunque, nei prossimi giorni effettueró l'holter 24, e avevo dimenticato di dirLe che dal cardiologo mi sono sottoposto anche ad una ecocardiogramma con la seguente diagnosi: ventricolo sx di normali dimensioni e con buona funzione contrattile (65%). Atrio sx nei limiti. Mitrale nei limiti. Valvola aortica tricuspide. Sezioni di dx nei limiti. Assenza di versamento pericardico. Come comportarmi?Lei mi consiglia quindi di cambiare specialista?...Come detto, soffro di panico e ansia, e dopo il Suo intervento che mi toglie certezze sono completamente nel pallone!! La ringrazio per l'eventuale risposta!

[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Il mio intervento non è diretto a toglierle certezze, che possono far parte solo di un corretto operato medico....
I farmaci che assume per l'ansia possono favorire la comparsa del pattern e quindi vanno evitati, ma non ne sono la causa....e Il Brugada tipo 1 va comunque stratificato adeguatamente. Le ripeto il consiglio: si affidi a un bravo aritmologo.
Saluti
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#4] dopo  
Utente 162XXX

Gentilissimo dottore, la ringrazio infinitamente per il suo consiglio. Aveva ragione: non devo fermarmi ad un un semplice ecg e alle rassicurazioni del cardiologo, ma ho preso appuntamento tra due giorni con un cardiologo aritmologo elettrofisiologo su bari. Il dottore in questione é stato molto gentile (come lei) e mi ha spiegato che faró un esame con l'inserimento di una sonda inguinale ( cui ho dimenticato il nome), e con risultato di questo esame si potrà valutare al 100% la stratificazione del rischio e se ci sarà bisogno dell' inserimento di un defibrillatore o meno. Naturalmente il dottore non si é dilungato più di tanto perché non si fanno diagnosi telefoniche. Volevo gentilmente sapere da Lei se l'esame che devo effettuare é doloroso e pericoloso, e se soprattutto é questa la prassi da seguire . Grazie per la sua grande disponibilità!

[#5] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Se il collega l'ha propostoè perchè ce ne èindicazione. Io a distanza non posso confermarle o meno l'indicazione. L'esame ha lo scopo di capire se lei in futuro può sviluppare aritmie potenzialmente pericolose, ma finquando è nelle mani giuste in sala operatoria rischi non ne corre. Si fa in anestesia locale a paziente sveglio.
Saluti
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#6] dopo  
Utente 162XXX

Dottore scusi se la disturbo ancora, ma vorrei sapere se nel caso in cui mi venisse impiantato il defibrillatore sarei coperto ed esente da rischi al 100%? E inoltre: potrei a quel punto riprendere la mia terapia con daparox per l'ansia e panico? Sospensione che tra l'altro in questi giorni di attesa, mi sta causando un pesante effetto rimbalzo (detto dal mio curante) che riesco a malapena a controllare con gli ansiolitici.....Secondo lei le mie paure che mi accada qualcosa di imminente in base alla diagnosi sopra elencata é plausibile?...A dir la verità avrei anche pensato anche all'ablazione da papponi che a quanto sembra é una cura definitiva,;però vorrei prima ascoltare i consigli dell' Aritmologo che incontreró domani...

[#7] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
La paura che ha non è razionale perchè occorre ancora stabilire il rischio potenziale che lei ha. L'Ablazione non è una cura definitiva. Il defibrillatore modifica radicalmente la prognosi dei pazienti con Brugada (significa aumenta la quantità di vita) e la rende potenzialmente uguale a soggetti che il Brugada non hanno.
Saluti
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#8] dopo  
Utente 162XXX

Gentile dottore, negli ultimi giorni mi sono rivolto a 2 aritmologi, per la precisione il dottor. Grandinetti a bari e un medico dell'equipe del dott. Grimaldi ad acquaviva delle fonti. In entrambi i casi la diagnosi é stata unanime: brugatda a basso rischio. Non é stato necessario effettuare nessun test alla flecainide perché il brugada era presente nei precedenti ecg., mentre Ieri per esempio non risultava. Diagnosi: brUgada tipo 1 a basso rischio e intermittente. Mi sono state date ampie rassicurazioni: le probabilità di un arresto sono pari a quelle di essere colpiti da un fulmine..Per la precisione il dott. mi ha detto : rischio dello 0,02%. Come terapia mi ha aggiunto un beta bloccante: l'etanololo. Non nego di aver chiesto a gran voce il defibrillatore per una mia totale sicurezza, ma il medico ha detto che sono già al sicuro così è non serve assolutamente altro. Devo fare solo attenzione a non assumere alcuni farmaci, a non bere alcool e devo fare attenzone alla febbre quando supera i 37,5, infatti devo subito prendere una tachipirina. Sto aspettando i risultati dell'holter 24, ma penso di poter stare tranquillo e sereno?. ..Solo in caso di sincope devo recarmi al ps!...Lei dottore concorda o a suo giudizio il defibrillatore sarebbe necessario?

[#9] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Caro signore, lei mi chiede una risposta che può essere fatta solo attraverso una valutazione diretta, che potrebbe concordare o meno con quella dei colleghi, che conosco e che stimo, ma le mie decisioni in genere le prendo in prima persona.
La mia consulenza finisce qui
Cordialmente
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#10] dopo  
Utente 162XXX

Grazie per la risposta gentile dottore!

[#11] dopo  
Utente 162XXX

Dottore potrei contattacca privatamente per un appuntamento nel suo studio che spero posia fugare ogni mio dubbio?

[#12] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Può chiamare la mia segreteria al 3493978411.
Saluti cordiali
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica