Utente 465XXX
Buonasera,
A breve dovrò partecipare ad un concorso militare e quindi dovrò sottopormi a delle visite mediche presso un ospedale militare. Tra queste è previsto anche l’elettrocardiogramma. Il problema è che fin da quando sono piccolino ho un piccolo soffio al cuore ma i cardiologi che ho consultato (sempre per altri motivi come i test da sforzo per praticare sport) mi hanno sempre tranquillizato dicendo che è un “soffio insignificante, molto comune che non comporta nulla di grave”.

La mia paura però è che in sede di visita medica per il concorso essi possano escludermi per questo motivo. È difatti risaputo che nei concorsi i medici per qualsiasi minima cosa negativa giudicano inidonei i candidati perchè troppi.

Alcuni militari con esperienza nei concorsi mi hanno consigliato di farmi certificare da un cardioloco che questo mio soffio al cuore è veramente qualcosa di insignificante e che non comporta problemi con lo svolgimento delle attività militari in modo che i medici militari, possano evitare di interpretarlo in maniera esagerata facendolo passare per qualcosa di grave. In questo modo avrei un foglio di carta sul quale fondare un ricorso nel caso in cui mi facessero inidoneo per questo motivo.

Ieri sono stato a visita in cardiologia per fare un test da sforzo e ho chiesto alla cardiologa se era possibile rilasciare questo certificato. Mi ha detto che non è possibile farlo e che al massimo può fare una radiografia e scrivere ciò che vede.

Volevo sapere: è veramente così? La cardiologa non può rilasciarmi un certificato nel quale spiega che questo soffio al cuore non è nulla di grave? Come potrei fare per tutelarmi in caso al concorso facessero storie?
Ma sopratutto: i cardiologi militari sono veramente tanto pignoli su una cosa del genere?
Grazie per la risposta

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
MI scusi, ma lei ha mai eseguito un ecocolordoppler cardiaco?
Perche' il soffio e' un reperto auscutatorio e l' ECG non serve assolutamente a nula in questi casi.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 465XXX

Buongiorno dottore e grazie per la risposta.
Quindi mi sta dicendo che dall’ecg non è individuabile il soffio al cuore?

Grazie e buongiorno

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
assolutamente no.
Si rileva all'auscultazione cardiaca e la motivazione del soffio si repertano con l'ecoclolordoppler cardiaco

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza