Utente 494XXX
Buonasera a tutti, Vorrei chiedervi una informazione riguardo ad un problema che ha mia madre. Qualche anno fa,le è stato diagnosticato un blocco di branca sinistra. Effettuando una visita successiva dal cardiologo,le è stato detto che non c'era bisogno di effettuare ulteriori esami e che il blocco di branca sinistra non è, generalmente,un problema grave e che, addirittura,anche atleti professionisti soffrono di questo problema,ma continuano la loro attività e la loro vita senza problemi. Per tale motivo,vorrei chiedervi se effettivamente il blocco di branca sinistra può essere considerato un problema non grave e se è vero che nella maggior parte dei casi non provoca nessuna grave conseguenza.
Mille grazie.
Distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
cio che le è stato detto non corrisponde alla realta.
semmai è il vlocco di branca destra che si riscontra anche im persone sane.
il blocco di branca sinistra va sempre accuratamente indagato, iniziando con un di doc9lordoppler cardiaco.

arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 494XXX

Buongiorno Dottore.
Mia madre,sta già effettuando controlli da qualche anno e leggendo qualche certificato del cardiologo,ho notato che mia madre non ha alcuna malattia cardiaca,le altre funzioni del cuore sono a posto e l'unico problema che ha, è questo blocco di branca sinistra. Prendendo in considerazione ciò, tale blocco di branca sinistra è considerato grave? In generale,una persona con blocco di branca sinistra che aspettativa di vita ha? Grazie mille

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Il blocco di branca sinistra non comporta una riduzione ne' della quantita' ne' della qualita' di vita di per se' quando non si associa a una riduzione della funzione contrattile del ventricolo sinistro o ad una cardiopatia ischemica.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 494XXX

Mille grazie.