Utente 414XXX
Gentili dottori, sono appena ritornata da un controllo cardiologico di routine, e anche per la forte tachicardia che mi prende ogni volta che faccio uno sforzo in posizione eretta.
Siccome il mio cardiologo sospetta una forma di disautonomia, mi ha fatto l'ecg sia da sdraiata che in posizione eretta.
La frequenza è passata da 100 a riposo a 130 in ortostatismo (ciò confermerebbe la sua ipotesi) ma la cosa strana è che, solo in ortostatismo, sono comparse onde T negative che mi avevano ripreso anche l'anno scorso e poi erano sparite seguendo una "guida" di respirazione in d2, d3, AVR, v3, v4, v5. E l'anno scorso i cardiologo di un centro mi allarmò moltissimo per queste onde T negative, sospettava la displasia aritmogena o ischemia.
Ho veramente tanta paura. Se è vero che le T negative rappresentano ischemia, e se è vero che la disautonomia può portare a problemi di circolazione sanguigna, può essere che io ho delle ischemie solo in posizione ortostatica? Nel senso, che magari il sangue non affluisce bene al cuore quando sto in piedi?
Ho paura il cardiologo non sa che dirmi mi ha detto solo di fare tilt test...ma sulle T negative ha deto "è impossibile avere delle ischemie solo in piedi"... Grazie

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
gentile Utente, chissa come abbiamo fatto noi comuni mortali a sopravvivere vi o ad oggi e miliardi di persone campare benissimo senza presentare disautonomie...

ora invece per illudere i pazienti si hannomanche queste teovare

la posizione ortoststica cambia l asse elettrico del cuore all interno toracico per ovvi motivi di gravita.

smetta di credere a sciocchezze che le dicomo.

spenga il PC e vada a godersi la vita come si addice ad una ragazza della sua eta.

arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 414XXX

Ahahaha mi fa sempre sorridere :) la ringrazio davvero... Ma non l'ho letto sul web, mi creda, è stato il mio cardiologo ad ipotizzare la disautonomia cardiogena. Ed è la meno peggio, perché al centro cardiologico addirittura parlavano di infarti pregressi e displasia aritmogena. Quindi capirá che per me è assolutamente difficile "vivermi" la vita in maniera normale se dei professionisti mi insinuano questi dubbi... Ho anche problemi di fatica cronica e fascicolazioni muscolari, ma per questo sarà meglio vedere un reumatologo.
Quindi, se ho capito bene, non sono alterazioni ischemiche ma elettriche? E se sono elettriche, non ci sarebbe di conseguenza un rischio aritmico in posizione ortostatica?

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Tutti questi professionisti che lei ha citato sono stati a pagamento, vero?
se posso saperlo ovviamente

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 414XXX

Sì, ma non mi hanno mai detto "vai in questo posto preciso a fare tale esame" oppure propinato nomi di altri medici... anche a me era venuto il dubbio che lo facessero per alimentare una catena economica. Semplicemente il centro cardiologico mi ha fatto sbiancare dalla paura, perché dissero che potevo aver avuto un infarto, miocardite, fino ad arrivare alla displasia aritmogena.
Invece il mio cardiologo privato mi ha tranquillizzata dicendomi che la POTS è una condizione benigna e quelle onde T negative sono dovute sempre a una disfunzione autonoma.
Tuttavia Questa cosa dell'ortostatismo non mi è chiara francamente, perché io davvero mi sento affaticata quando sto in piedi, allora penso: e se fosse davvero un'ischemia transitoria perché in posizione eretta il sangue tende a fluire verso il basso?

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Leonardo non ha alcuna ischemia
Smetta di rimuginarci sopra

Non c è niente di peggio di far credere ad una persona sana di essere ammalata

Rende molto di più

La saluto

Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente 414XXX

Ho appena riferito i risultati al mio medico di base, mi ha detto che ho bisogno di farmi "studiare bene" in un centro specializzato... Boh, non ci capisco più nulla. Va bene un cardiologo vago, un centro cardiologico senza le giuste competenze, ma ora anche il mio medico di base?! Vogliono mandarmi al manicomio oppure veramente sospettano qualcosa di serio?

[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
ascolti faccia cio che vuole.
Io faccio questo mestiere da 36anni e oenso di sapere cosa dico.

la saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#8] dopo  
Utente 414XXX

Ma è proprio per questo motivo che continuo a scrivere a lei, se non pensassi che lei ha una competenza ed esperienza maggiore dei miei medici di certo starei già a farmi ricoverare per quanto sono ansiosa... Volevo solo vederci chiaro, chiederle se ha mai studiato in letteratura medica o avuto in cura un paziente con le mie stesse onde T negative in posizione eretta. E sopravvissuto negli anni chiaramente :) Grazie ancora.

[#9] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
queste negativizzazioni si riscontrano molto frequentemente quando si fanno gli ecg sotto sforzo: il tracciato è diverso in posizione seduta sulla bici o in ortoststismomsul tapis roulant rispetto a quellomesefuito sdraiato.
Non c e alcun mistero da studiare.

la saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#10] dopo  
Utente 414XXX

Ma le onde T in una prova da sforzo non inducono a preoccuparsi? Cioè vengono ritenute normali a priori?

[#11] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
LA presenza di onde T negative al tracciato basale in ortostatismo o da seduti e' di freqeuntissimo riscontro e NON hanno alcun signifcato patologico.

E' la variazione del tratto St durante la prova che deve essere considerato dal cardiologo

Cordialita'

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#12] dopo  
Utente 414XXX

Ah ecco! Dottore però io ricordo che quando le inviai il mio tracciato per e-mail, lei mi disse che avevo "anomalie diffuse del tratto S - T" tant'è che mi chiese se avevo problemi alla tiroide, disturbi elettrolitici ecc...
Quindi mi sa che ho riportato male io in questo consulto, e la negatività riguarda anche la S :(

[#13] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Gentile utente lei mi pare che vada un po' stroppo in giro per internet a trovare diagnosi strampalate.
Il tratto ST-T non ha niente a che fare con l'onda S.

La saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#14] dopo  
Utente 414XXX

Nono stavolta ho solo riletto la sua mail di risposta, che ho frainteso probabilmente... Per cui se ho ben capito, per "diffuse anomalie del tratto s-t" si intende onde T negative? Non c'entra nulla l'st patologico?

[#15] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
No non ha niente a che vedere con ST patologico

La saluto

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#16] dopo  
Utente 414XXX

Ok grazie mille! Poi la aggiornerò sul tilt test e la seconda prova da sforzo, prescritte entrambe dal mio cardiologo per vederci più chiaro e valutare se darmi un quarto di betabloccante (siccome la mia fq arriva a 180 dopo minimo sforzo). Buona giornata!

[#17] dopo  
Utente 414XXX

Dottore scusi un'ultima domanda, il mio cardiologo tempo fa voleva darmi un quarto di Sequacor dicendo che non avrebbe abbassato la pressione (i miei valori sono bassissimi, la massima a 87 e minima a 70) ma sinceramente ho letto che è un bb antipertensivo e poi ci sono notevoli effetti collaterali... Non sarebbe meglio l'ivabradina?

[#18] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
probabilmente si, ma dato che ha una mezza dozzina di valenti cardiologi chieda a loro

la saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#19] dopo  
Utente 414XXX

Salve dottore, io mi imporrò affinché mi prescriva l'ivabradina perché ho letto molto e ascoltato testimonianze dirette, tutte positive per il trattamento della POTS. Gli utenti dicono che con gli altri betabloccanti avevano un peggioramento della stanchezza.
Oggi il mio medico di base però mi ha detto che dovrei fare uno studio elettrofisiologico... ma io ho paura non me la sento... se mi venirsse una fibrillazione ventricolare il defibrillatore non salva nel 100% dei casi...

[#20] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
1- lei non ha alcuna necessita' di uno studio elettrofisiologico
2- lei ha un rischio di FV pari al mio


Quindi per cortesia smettiamo di scrivere cose senza senso

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#21] dopo  
Utente 414XXX

Non l'ho proposto io, me l'ha proposto lui, davvero...
Il ragionamento (questo invece è mio) forse è perché la disautonomia può causare impulsi elettrici sbagliati dal cervello al cuore, o magari ha a che fare con i canali del sodio e del potassio... magari sospetta una canalopatia, a causa dei disturbi muscolari, possibile?

[#22] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
No

arrivederci


cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#23] dopo  
Utente 414XXX

Nel senso che le canalopatie muscolari (quelle che causano rigidità, fascicolazioni, debolezza - ossia i miei sintomi) non interferiscono sul cuore?

[#24] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Nel senso che in non ha alcuna canalopatie

Mi ascolti bene

Eviti di gironzolare per internet a curiosare e cercare domande bislacche

con questo L saluto

Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#25] dopo  
Utente 414XXX

Mi scusi se la disturbo ancora ma credo che lei saprebbe darmi le informazioni giuste... da 2 giorni mi è ritornata la difficoltà a deglutire, ossia dopo aver masticato, è come se non avessi l'impulso a mandare giù il cibo, con il risultato che mi "sforzo" e la deglutizione è molto scoordinata. A ciò si è aggiunta una tosse secca (mai avuta, non sono allergica o altro) e leggero dolore toracico quando inspiro. Secondo lei potrebbe trattarsi di polmonite ab ingestis? Devo approfondire repentinamente con una RX oppure i sintomi sono ancora troppo lievi? Grazie mille!

[#26] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Se avesse una polminte ab ingestis starebbe cosi male da non digitare neppure sulla tastiera.

la saluto

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#27] dopo  
Utente 414XXX

Salve dottore, oggi mi è stata diagnosticata la POTS tramite tilt test. Mi hanno spiegato che dalla posizione sdraiata a quella eretta, in pochi secondi, passavo da 105 a 150 bpm. Ero anche sintomatica, ossia in ortostatismo avvertivo affanno e cardiopalmo. Invece la pressione non ha subito variazioni significative, anzi in ortostatismo aumentava (come è giusto che sia, probabilmente). Il problema è che mi hanno detto che non prescrivono Ivabradina in Italia per la pots perché la sindrome è molto rara, e in più mi hanno detto di approfondire gli altri sintomi disautonomici spostandomi dalla Campania, in centri specializzati... Lei cosa ne pensa? La disautonomia (quella generalizzata, che esula dalla pots) è davvero mortale come si legge sul web?

[#28] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
nomguardi mi mandi il referto ufficiale.
Faccia copia ed incolla del referto anche perche la Ivrabadina è liberamente prescrivibile in Italia .
Lei mi Sa che stia gikcando un po troppo con sindromi strane.
Quindi o mi invia il referto ufficiale del suo referto o non le rispondero piu.

la saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#29] dopo  
Utente 414XXX

Certo che glielo invio, non avrei motivo di inventare una disautonomia che non esiste. Che poi faccio congetture fantasiose sulle possibili cause è vero. Ed è vero anche che mi hanno detto che l'ivabradina è prescrivibile solo in presenza di angina pectoris e scompenso cardiaco)...

[#30] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Assolutamente no.
L' Ivabradina e' un farmaco prezioso, maneggevolissimo e che da tempo e' di libera prescrizione anche da parte del curante

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza