Utente
Carissimo Dott Cecchini ho un problema insorto da circa 20 giorni.
Oltre alla tachicardia adesso si è giunta anche la pressione arteriosa alta.
Durante un episodio di tachicardia (come faccio sempre) l'ho misurata con l'apparecchio elettronico, mi sentivo un po' agitata e ho visto che avevo picchi altissimi per tutto il giorno sono arrivati anche a 170/ 125 e i battiti erano 110.Mi sentivo un po' strana poi sicuramente ha preso la mano la mia ansia e sono andata nel panico.
Questo succedeva circa 15 giorni fa di venerdì, ho chiamato l'ambulanza perché la pressione aumentava di molto sono venuti a casa ed avevo 140/90, non sono andata al PS.
La domenica dopo mi sveglio con le vertigini t i battiti accelerati sono andata al PS dove mi hanno fatto TAC cerebrale (negativa).
RX Torace (negativo) ECG negativo esami del sangue negativi mihanno fatto anche il doppler dei vasi epiaortici mi hanno detto che avevo un leggero ispessimento con piccole placche visita otorino che mi ha dato per le vertigini VERTISEC.
Sono uscita il lunedì successivo con diagnosi di sindrome vertiginosa.
Senza parlare di pressione arteriosa (quando ero lì mi avevano detto che era nella norma con leggeri picchi 140/90.Si rimanda al medico curante e si consiglia visita cardiologica ma noni hanno saputo dire di più.
Risalendo hai miei disturbi e visto che sono stata visitata in 10 anni non so da quanti cardiologi, volevo un suo parere se possibile sulla pressione visto che sono stata sempre ipotesa, ho fatto anche un controllo endocrinologico ma anche lì niente (la tiroide ha numerosi noduli, le analisi sono perfette controllo fra un anno.
Sinceramente non so più cosa fare e a chi credere, anche oggi ho avuto di nuovo un rialzo pressorio 169 / 112 e i battiti erano 113.
Spero che lei pur non conoscendomi mi possa dire qualcosa.
Devo rifare di nuovo l'ennesima visita cardiologica?
Grazie per la sua disponibilità.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Deve semplicemente iniziare terapia con beta bloccanti ( es nebivololo) con immediata risoluzione del problema
ne parli con il suo Medico

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Mi scusi dott visto che in passato mi avevano dato il congescor (non ricordo il dosaggio)ma penso il più basso , l'ho dovuto sospendere per eccessiva bradicardia con stanchezza e capogiri,dopo hanno provato con il procoralan (ivabradina) ma sospeso sempre per gli stessi effetti collaterali anche mezza compressa una sera sono stata molto male perché i battiti cardiaci erano scesi sotto a 50 e il cardiologo me lo fece sospendere subito . Può la pressione arteriosa alzarsi ogni 15 giorni quando vado a misurarla dal medico curante è sempre normale.Voglia scusarmi può una pressione arteriosa alta dopo averla misurata la terza volta tornare normale? Un altra cosa che non riesco a spiegarmi perché bse la misuro dx sdraiata è normale e da seduta di alza . Grazie ancora per la sua disponibilità .

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
I beta bloccanti come il nebivololo sono efficaci anche a basso dosaggio.
Altri ipertensivi come i calcio antagonisti nel suo caso non sono indicati perché aumenterebbero ulteriormente la frequenza.
Ace inibitori e sartani possono essere indicati ma non le modificherebbero la frequenza cardiaca

Programmi un holter pressorio
arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente
Buonasera torno di nuovo a scriverle ,parlando con un mio amico che conosce molto bene la mia sintomatologia ha voluto portarmi dal suo cardiologo per farmi passare le este di Natale più serena.Ennesima visita cardiologica dopo aver ascoltato i miei disturbi ha rifatto di nuovo ECG con visita misurata la pressione arteriosa e visionando tutti i miei referti ,mi ha detto che per lui il problema non viene dal cuore ma dallo stomaco visto che sono celiaca e ho sempre lo stomaco gonfio come un pallone anche la mattina (perché ingoio aria anche quando dormo per via della respirazione con la bocca aperta).Per lui dipende dallo stomaco e dal reflusso gastroesofageo.Quindi devo curare lo stomaco e lasciare perdere il cuore? Non so più a chi credere ed io continuo a stare male . Grazie ancora per la sua pazienza.

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
I problemi gastroesofagei possono giustificare qualche extrasistole ma non certo elevato valori pressori e tachicardia

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza