Utente
Chiedo un vostro cortese parere.
Mia mamma, 83 anni, ha avuto un infarto nel 2006, fortunatamente risolto bene e tutto a posto nei successivi controlli annuali.
Due anni fa, durante il solito controllo cardiaco, le è stata diagnosticata una stenosi aortica, dapprima lieve/moderata poi, a settembre scorso moderata/severa.
Il cardiologo le ha detto di tenere la situazione controllata e per ora non era necessario l'intervento ma non lo ha escluso successivamente.
Mia mamma prende cardio aspirina e betabloccanti.
Non è fumatrice ed è solo leggermente in sovrappeso.
Ultimamente ha iniziato a soffrire di una forte stanchezza per ogni piccolo sforzo, come si siede o si appoggia tende anche ad addormentarsi e anche di affanno, quest'ultimo però solo quando si muove velocemente tipo camminata veloce o pedala in bicicletta svelta o fa le scale, quando si muove normalmente non affanna.
Soffre da tanti anni di ipertensione e prende 1/2 pastiglia la mattina e 1/2 la sera, ultimamente la sua pressione è fin troppo bassa, arriva a volte anche a 105/55 o 90/48.
I battiti cardiaci sono sempre regolari, io credo, 81/85.
Non ha dolore al torace o alcun fastidio al petto.
Potrebbero essere segnali che la valvola aortica va peggiorando?
Abbiamo la visita di controllo agli inizi di settembre, quindi fra tre mesi abbondanti e mi chiedevo se fosse il caso di anticipare la visita cardiologica.
Grazie per quanto potrete dirmi.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Sua madre va operata di sostituzione valvolare aortica.

"a settembre scorso moderata/severa."

Non aspetti che abbia angina , infarto o scompenso...perche in tal caso la sopravvivenza e' di 6-12 mesi se non si opera..

Contatti un centro cardiochirurgico di sua fiduci per cambaire la valvola.


arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso