Utente
Buonasera Dottori,

sono una ragazza di 35 anni avevo richiesto il vostro aiuto circa 3 anni fa relativamente ai fenomeni di extrasistolia che avvertivo quasi quotidianamente, dopo un periodo di circa 2 anni e mezzo dove le cose sono andate meglio, ovvero i fenomeni c'erano ma meno frequenti e fastidiosi, ora sono ritornati e a fine agosto sono finita al pronto soccorso con una fibrillazione atriale durata circa 3 ore e risolta con 100 mg di flecainide in vena.

rifatta la visita dal mio cardiologo il quale mi ha effettuato eco dopler prova da sforzo eletrrocardiogramma non rilevando nulla e prescrivendomi 1 capsula di bisoprololo da 1.25 mg e 1 caprsula di flecainide lento rilascio dicendomi che devo stare tranquilla che sono affetta da tiroidite di hascimoto che potrebbe stuzzicare il cuore.
L'ospedale mi ha fissato anche una visita con l'aritmologo dal quale sono stata la scorsa settimana, dopo avermi fatto elettrocardiogramma mi ha fatto una serie di domande, ha deciso di togliermi l'antiaritmico lasciandomi solo il bisoprololo e dandomi una pastiglia da 20 mg di pantoprazolo sospettando i miei fastidi possano derivare anche dallo stomaco.
Effettueremo un holter tra qualche mese.

Dopo essere stata in ospedale sono stata meglio per circa 2 settimane ma nonostante antiaritmico e bisoprololo alcune extrasistoli le avvertivo comunque.
Ora sono 5 giorni che ho tolto l'antiaritmico e inserito la pastiglia per lo stomaco ma le extrasistoli e i fastidi ad esse correlate (dolori alle braccia e petto, irrequietezza) sono tornati.
Vi chiedo secondo voi gli esami fatti finora sono sufficenti?
Domani contattero di nuovo l'arimologo per fargli presente che i fastidi sono tornati e vediamo come vorrà procedere.

Il mio terrore è che torni la fibrillazione ogni volta che avverto qualche battito anomalo mi agito perchè penso al peggio.

Vi ringrazio in anticipo.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
È possibile che lei abbia recidive di fa e pertanto se ciò accadesse prenderei I considerazione un tentativo d ablazione

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso