Utente 221XXX

mi scuso antipatamente per il modo ...... purtroppo sono a scriverle
per un
rapido consulto per mio *padre** di anni 83, diabetico "prende solo
delle
pasticche" , con un irregolare battito cardiaco scoperto ora, in
tutti
questi anni e' sempre stato bene,le attuali condizioni generali
abbastanza
bene un po' di spossatezza e calo di appetito  *gli e' stato
diagnosticato
una massa al fegato di circa 10 cm. *"il medico dice maligno,,,,,,"*
del 26/08/2011 l'ospedale dove e' in cura ci
dice che
devono eseguire la *BIOPSIA EPATICA fissata per il giorno 14/09/2011*
per
diagnosticare il grado e la provenienza del male per poter decidere
l'eventuale cura, ora su questo esame nutro qualche preoccupazione
del tipo
che si potrebbero diffondere delle cellule ad altri organi *dicerie
?*.........
ho letto che la LAPAROSCOPIA e' un esame meno invasivo e piu'
preciso, in
base al referto della TAC e in generale lei ritiene che la
LAPAROSCOPIA sia
un esame che in questo caso si possa eseguire ?
cosa mi consiglia in generale ?
GRAZIE

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
In linea di massima le indicazioni date mi sembrano corrette.La biopsia percutanea è una manovra molto meno invasiva della laparoscopia e fornisce esattamente l 'infiromazione richiesta. Auguri!
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente 221XXX

Mi sembrava di aver letto che la LAPAROSVOPIA era meno invasiva ... E più sicura ....

[#3] dopo  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Dove l' ha letto? ed in riferimento a cosa?
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#4] dopo  
Dr. Giuseppe Arenga

16% attività
4% attualità
4% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2007
Data l'età di suo padre se il marcatore tumorale alfafetoproteina non è stato in grado di porre diagnosi per epatocarcinoma, credo che la biopsia epatica sia la soluzione migliore. Solo successivamente si potrà stabilire l'iter terapeutico. Buona Fortuna
Dott. Giuseppe Arenga
chirurgia epatobiliare e del trapianto di fegato - AORN "A, Cardarelli", Napoli
www.giuseppearenga.it