Utente 430XXX
buonasera,
Soffro di dolore alla parte sinistra del volto da quando 3 anni fa ho avuto un trauma al viso e alla testa. All 'epoca non si era ritenuto necessario nessun controllo diagnostico. Da quel momento periodicamente soffrivo di dolore al viso alla testa e al collo che si alleviava con sedute dall'osteopata.
Lo scorso marzo ho subito estrazione di un dente del giudizio superiore e circa un mese dopo i dolori di solito periodici sono divenuti costanti fino ad adesso a distanza di ormai sette mesi. nel frattempo a maggio ho subito l' estrazione del dente del giudizio inferiore dallo stesso lato . Avverto dolori alla base del naso ,tensione agli zigomi e alla parte sinistra della testa,anche dietro l'orecchio . Attorno al labbro sempre dallo stesso lato e' come se sentissi tirare e avvertissi dei formicolio di cui mi accorgo anche parlando o sorridendo. Il dolore dal naso si irradia spesso all'occhio che è dolente nei movimenti. A volte avverto dolore anche ai muscoli del collo e durante la deglutizione la gola dal lato sinistro fa male . Ho consultato diversi specialisti ma non ho risolto ancora nulla e il dolore resta costante. Ho eseguito tac maxillo facciale che non ha evidenziato nulla se non sperone osseo aggettante la cavità nasale . Sono stata sottoposta ad intervento laser sui turbinati e porto il bit e da qualche mese ma per ora nessun risultato.

[#1]  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
buonasera,innanzitutto non ha spiegato di quale trauma si tratta,se un classico colpo di frusta o altro,se ha subito interventi
chirurgici per fratture,se ha consultato neurologi,otorino ecc.
Soprattutto non dice perchè porta il bite e soprattutto che tipo
e chi lo ha prescritto,se ha malocclusioni dentarie,ecc.
Posso solo ipotizzare che un trauma cranio-cervicale possa aver
slatentizzato un DCCM.
Cordialità
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 430XXX

Buongiorno,
Sicuramente dopo quella caduta ho sempre avvertito i muscoli del collo da quella parte contratti e dolenti ma all'epoca non avevo fatto nessun accertamento. Il bite me lo ha prescritto recentemente un dentista per cercare di decontrarre i muscoli facciali dal lato dell'estrazione risalente a maggio. Da quella parte infatti parlando o sorridendo tendo involontariamente ad alzare di più il labbro,ma non ha riscontrato problemi di malocclusione.
In tutte queste visite non si è però ancora compresa davvero la causa di questi miei dolori al volto che da quella estrazione si sono fatti così costanti.
grazie

[#3]  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
"Il bite me lo ha prescritto recentemente un dentista per cercare di decontrarre i muscoli facciali dal lato dell'estrazione risalente a maggio"
Di solito non si prescrive un bite per questo motivo,ma per una disfunzione cranio-cervico-mandibolare(DCCM) previa valutazione gnatologica .La contrattura dei muscoli del collo
invece è congrua col trauma che avrebbe potuto slatentizzare
una DCCM, così anche il dolore durante la deglutizione, legato alla contrattura dei muscoli ioidei e sottoioidei ( muscoli linguali) è connesso con la sindrome disfunzionale testè citata.
CAUSE DEL DOLORE FACCIALE:
Il dolore facciale è un sintomo che può originare in qualsiasi parte del volto, nel contesto di varie patologie di natura neurologica, vascolare, infettiva od odontoiatrica.
Le cause più comuni sono la disfunzione dell'articolazione temporo-mandibolare (ATM) e la nevralgia del trigemino.

La disfunzione dell'ATM può provocare dolore intermittente, di solito unilaterale, che si propaga a guancia, mandibola, regione temporale, orecchio e nuca. Sintomi concomitanti sono la malocclusione dentaria, crepitio articolare, dolorabilità alla pressione dei capi articolari e delle inserzioni dei muscoli della zona (pterigoidei, temporale e massetere).

La nevralgia del trigemino, invece, si manifesta con crisi parossistiche di dolore lancinante di breve durata (da pochi secondi a 1-2 minuti), con tendenza a ripetersi nel corso della giornata. I sintomi interessano, in genere, la fronte e l'occhio, la mandibola fino al mento o la parte superiore della guancia. Esistono manovre (deglutire, masticare o parlare) o aree (regione sovraorbitaria, guancia e naso), dette “trigger”, in grado di scatenare la crisi dolorosa. Oltre al dolore facciale, la nevralgia del trigemino può causare fotofobia, lacrimazione, aumentata salivazione, midriasi e congestione del viso.
Esistono anche Sindromi di natura neurologica come la Sindrome di Sluder o la Sindrome di Charlin che possono essere collegate ai disturbi citati.

Le consiglierei una valutazione gnatologica accurata ed anche una neurologica per verificare entrambe le possibili cause.
Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#4] dopo  
Utente 430XXX

Provvederò ad effettuare entrambe le visite. La ringrazio .