Utente 512XXX
Salve,
a 18 anni mi è stata diagnosticata una malocclusione di terza classe dentoscheletrica (con una buona compensazione dei tessuti molli) di tipo "testa a testa", che ha portato all'erosione della parte terminale degli incisivi centrali superiori, con laterodeviazione della mandibola. Mi fu detto all'epoca che l'unica soluzione sarebbe stata quella chirurgica ed ortodontica, e che non curarmi avrebbe portato futuri problemi a livello temporo-mandibolare, cervicale, e scheletrico in generale. Mi fu prospettato il tradizionale iter con ortodonzia pre e post-chirurgica della durata media di 3-4 anni, che mi spaventò abbastanza per i tempi e per l'idea di andare ad effettuare delle osteotomie. Ad oggi (32 anni) il problema mi affligge maggiormente (a 20 anni non ci facevo troppo caso), per una questione estetica (incisivi consumati, non ricostruibili perché andrebbero a consumarsi o spezzarsi nuovamente, per il sorriso in generale "scimmiesco", entrambi aspetti che mi portano ad evitare di sorridere a bocca aperta, a non riconoscermi nelle foto, anche per via dell'asimmetria mandibolare, e a sentirmi in generale non "a posto" e del tutto "normale"). Ad oggi vorrei tentare il percorso chirurgico ortognatico avendo scoperto l'approccio surgery first.
Le mie domande sono pertanto:

1) A chi rivolgersi in primo luogo per una diagnosi aggiornata: ortodonzista, gnatologo o chirurgo maxillo-facciale (e nell'ultimo caso andrebbe bene uno qualsiasi o dovrebbe essere specializzato in chirurgia ortognatica)?

2) Come funziona l'iter per ottenere eventualmente l'intervento in regime di mutua? È possibile farsi operare in un centro privato in convenzione col SSN?

Grazie anticipatamente

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
La terza classe scheletrica è per definizione chirurgica e questo è purtroppo un postulato anche se in alcuni casi è possibile un camouflage solo ortodontico.L'iter da seguire prevede innanzitutto una visita Gnatologica per valutare la presenza di un disordine temporo-mandibolare che va trattato preliminarmente,successivamente lo step prevede un approccio chirurgico ortodontico come ben le sarà stato esplicitato.La surgery first elimina il passaggio ortodontico,ma è rivolta a casi ben selezionati.
A Roma il presso il Policlinico Gemelli opera l'equipe del Prof.Pelo a cui può rivolgersi per i dovuti chiarimenti.

Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 512XXX

Salve dottore,
La ringrazio intanto per il Suo intervento tempestivo. Potrebbe però cortesemente chiarire cosa s'intende per "casi ben selezionati" per quanto riguarda il surgery first?

[#3] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Deve ad esempio essere presente un allineamento dentale ottimale,altrimenti solo con la chirurgia il problema non si risolve.
Le indicazioni, piuttosto ristrette, a tale trattamento sono:
un buon allineamento delle arcate, senza eccessivo affollamento;
minima discrepanza trasversale;
una curva di Spee piana o leggermente curva,una relativa pro/retroinclinazione del gruppo incisale(da valutare ovviamente in sede clinica....)


Buona Serata
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#4] dopo  
Utente 512XXX

D'accordo, ma è comunque previsto il trattamento ortodontico post-operatorio, questo non può supplire anche in caso di allineamento non perfetto già di partenza?

[#5] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Possibile,dipende dal caso clinico.


Buona Serata
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia