Utente 505XXX
Buonasera, sono diabetico (diabete tipo II) attualmente in cura con dieta ed esercizio fisico e Vytorin per dislipidemia. Ipertesto in terapia con Nebivololo e Olmesartan.
Durante il dayservice annuale di controllo all'ecocolordoppler arti inferiori è emerso circolo normale ma ateromasia diffusa in sede distale. Il referto è:
"Note di ateromasia diffusa dei segmenti del distretto inferiore; tale aspetto è più evidente in sede distale ma flussimetria ed emodinamica nei limiti della norma. Flussimetria trifasica senza segni di angiopatia diabetica."
Il medico che ha eseguito l'esame ha consigliato indicandolo nel referto di assumere Cardioaspirin 100mg 1 cp al giorno a pranzo in considerazione dei fattori di rischio e avendo in famiglia casi di problemi vascolari.
L'accertamento è stato eseguito perché ultimamente ho insufficenza venosa agli arti inferiori, prevalentemente a sinistra, stando molte ore in piedi per lavoro.
Aggiungo che ECG, ecocolordoppler cardiaco, aorta addominale e vasi del collo sono perfetti.
Leggendo su internet ho visto pareri e volevo un'ulteriore opinione.
Grazie

[#1]  
Dr. Salvatore Piazza

16% attività
12% attualità
0% socialità
()

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2006
Gentile utente, il dato ecocolordoppler non è patologico; è normale trovare una ateromasia diffusa alle arterie. Il consiglio è una accurata prevenzione per eventuali lesioni ai piedi che nel paziente diabetico possono essere causa anche di amputazioni delle dita. Il paziente diabetico risulta particolarmente a rischio perché spesso è presente una neuropatia che riduce la sensibilità ai piedi. Il consiglio pertanto è rivolgersi presso un centro per la cura e prevenzione del piede diabetico per gli opportuni consigli ed eventuali prescrizioni terapeutiche (esempio calzature specifiche con plantari su calco). Buona giornata. Salvatore Piazza

[#2]  
Dr. Angelo Disabato

16% attività
12% attualità
0% socialità
TRICASE (LE)
GINOSA (TA)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2016
Buonasera
nel diabetico non è strano rilevare ateromasia diffusa soprattutto ai vasi tibiali. Lei è giovane ed è importante nel lungo termine un costante ed ottimale controllo della glicemia e degli altri fattori di rischio. Consigliato anche un frequente controllo della salute dei piedi.
Dr. Angelo Disabato