Utente cancellato
Buongiorno,
sono una ragazza di 30 anni e vi scrivo per un consulto.
Circa 9 mesi fa, era novembre 2018 più o meno a seguito di uno strappo muscolare sulla coscia dx ho notato che la vena interna della gamba destra alla fine della coscia poco prima del ginocchio è leggermente in rilievo, cioè al tatto si sente un pò ma ad occhio nudo non si vede che è ingrossata, non sento dolori ne ho cambiamenti nel colore della pelle e la gamba non risulta essere più grossa dell'altra. Premetto che prima di questo evento non era assolutamente in rilievo. Ad oggi, se sto sdraiata o seduta la vena non si sente al tatto. Andai dal medico di base in quella occasione sia per mostrargli lo strappo sia per la vena e lui mi disse che non c'era da preoccuparsi, tuttavia non mi fido molto ecco perché sono a richiedere un consulto qua.
Non so se possa incidere ma a luglio 2018 ero rimasta incinta ma ho dovuto sottopormi a un raschiamento per assenza di battito cardiaco del feto. Inoltre, faccio un lavoro per il quale devo star seduta quasi 9 ore al giorno. Pratico palestra 3 volte a settimana e non fumo più da anni.
Grazie per l'attenzione.

[#1]  
Dr. Lucio Piscitelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UN CONSULTO A DISTANZA

Gentile Utente,
la condizione che descrive richiede una valutazione specialistica dal vivo con ecocolordoppler, poiché i sintomi riferiti sembrerebbero quelli della insufficienza venosa superficiale con varici.
Lucio Piscitelli
http://luciopiscitelli.beepworld.it/

[#2] dopo  
539059

dal 2019
La ringrazio.
Prenotato la visita che avrò in settimana. Spero non sia nulla di grave. Una domanda, se dovesse essere ciò che lei ha ipotizzato, ci sono delle cure o rimedi per mantenere la situazione stabile? o esiste qualcosa per farla tornare alla normalità? E soprattutto, la palestra e annessi pesi danneggiano la situazione?

[#3]  
Dr. Lucio Piscitelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Intanto va confermata una diagnosi ed eventualmente sono da verificare l’estensione e tipo delle manifestazioni.
In base a queste valutazioni, qualora necessarie, verranno vagliate le opzioni preventive e/o curative che sono varie potendo spaziare dalla terapia medica, posturale, elastocompressiva, scleroterapica, chirurgica, ecc. anche talvolta in combinazione.
La ginnastica con pesi è assolutamente controindicata e essa stessa può essere alla base della comparsa delle manifestazioni.
Lucio Piscitelli
http://luciopiscitelli.beepworld.it/

[#4] dopo  
539059

dal 2019
La ringrazio. Spero la situazione non sia così catastrofica. Lei dice che se fosse grave in questi mesi avrei avuto un peggioramento della situazione o non è detto? Secondo il mio medico e anche il dottore che mi farà la visita non sembrerebbe essere nulla di grave. Mi spiace solo che forse, da come dice, non potrò più praticare palestra perché è l'unica cosa che mi piace tra le tante attività fisiche. Pazienza, la salute prima di tutto!

[#5]  
Dr. Lucio Piscitelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Tra le attività ginniche sarebbero da preferire le attività in acqua, ma anche la palestra consente esercizi a corpo libero (NON contro resistenze) che sono adatti al suo caso.
Lucio Piscitelli
http://luciopiscitelli.beepworld.it/

[#6] dopo  
539059

dal 2019
Ah ok. Pensavo di doverci rinunciare completamente. Secondo lei potrebbe esserci una correlazione tra questa vena che ora sento in rilievo e lo strappo muscolare? Se fosse qualcosa di più serio in tutti questi mesi avrei avuto un peggioramento dei sintomi?