Utente 276XXX
Buongiorno! Scrivo per un problema che proprio mi demoralizza!
Allora da alcuni anni soffro di stipsi, ma una stipsi saltuaria di qualche giorno, al massimo 10 giorni, e che ho quasi sempre risolto con qualche lassativo (dulcolax) per poi tornare nella normalità o quasi, soprattutto per difficoltà nell’evacuare che a volte richiedeva un intenso sforzo!
Però da inizio febbraio ho riaccusato stipsi e dopo qualche giorno risolvevo con un lassativo. Ora la cosa è diventata critica perché sono consapevole che non posso continuare con i lassativi e sto provando a non prenderne, praticamente è da 6 giorni che non evacuo, solo piccole striscioline sottili di feci con un enorme fatica! Appaiono di colore non scuro e non dure!
Non accuso nessun dolore all’addome, semplicemente non sento lo stimolo, e sforzandomi volontariamente non riesco ad evacuare. Non credo che sia un problema di morfologia del colon perché ci sono periodi in cui va molto bene! Credo che proprio sia un problema di intestino pigro!
Confesso di non seguire proprio una dieta adatta, ma avendo parlato con il mio medico mi ha spiegato come cambiare stile di vita e mi ha detto che per ora basta questo fiducioso che la situazione si sbloccherà, in pratica mi ha solo detto di aspettare e che cambiando la dieta migliorerò!
Infatti, in questi giorni, sto mangiando verdure, frutta… yougurt… ecc… e mi sono messo a fare un po’ di sport.
Ma la conclusione è che è da 6 giorni che non evacuo. Cosa posso fare? Un clistere, non ne ho mai fatto uno, causa assuefazione come i lassativi??? Credo che il mio intestino sia diventato ancora più pigro per via dei lassativi, per cui come posso sbloccare ora la situazione? Il clistere peggiorerà la cosa? Ok, svuoto l’intestino… ma poi, ricomincio? Crea assuefazione?
Questa situazione è davvero scomoda e fastidiosa, dovrei anche studiare in questi giorni…
Spero che qualcuno mi possa consigliare! Un saluto!

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Caro utente.
La stipsi sia da rallentato transito o da defecazione ostruita o mista ,richiede prima di tutto una diagnosi precisa,poi si potrà parlare di terapia.La stipsi non è un disturbo congenito o costituzionale, ma può essere causato da diversi fattori, ognuno dei quali prevede una terapia adeguata.Se si hanno feci dure,la stitichezza si può curare migliorando l’alimentazione, bisogna seguire per almeno tre mesi una dieta ricca di fibre con verdure e frutta e acqua(circa 2 litri al giorno.L’uso prolungato dei lassativi,infatti, provoca problemi di disidratazione, soprattutto nelle persone più anziane e lungo andare, i lassativi possono compromettere il normale funzionamento dell’intestino.Se un paziente ha feci normali ma non riesce ad andare di corpo senza l’aiuto di supporti esterni (lassativi, clisteri e manovre manuali) è necessario procedere a una visita per escludere patologie causa di oastriuta defecazione.In ogni caso ,una visita coloproctologica seguita da una studio radiologico dei tempi di transito intestinale e della dinamica della defecazione(Cinedefecografia),è necessaria per una corretta diagnosi e per prescrivere una efficace terapia.
Saluti Dr.Giuseppe D'Oriano









Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente 276XXX

Grazie per la risposta. Vorrei chiedere ulteriormente se la attuale condizione di stipsi con feci apparentemente regolari, ma colon comunque pigro, potrebbe essere dovuta esclusivamente all'uso prolungato di lassativi? Per cui è realistica che la disfunzione scompaia nel giro di qualche giorno? E se invece a seguito di accertamenti si registri proprio una diminuita peristalsi di una parte del colon o del retto, la terapia risolverà quasi sicuramente il problema o i miglioramenti saranno faticosi e richiederanno tempo? Cioè qual'è la prognosi di un paziente affetto da una bassa peristalsi del colon?
Grazie.

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Fatta la diagnosi,sarà possibile combattere la stipsi.I lassativi potranno essere sostituiti con prodotti naturali che aumentano la massa fecale e stimolano la peristalsi.Sarà valutato anche una eventuale disbiosi ,che dovrà essere corretta.In presenza di defecazione ostruita si potranno valutare eventuali correzioni chirurgiche.Patologie funzionali potranno eventualmente beneficiarsi di cicli di fisioterapia e biofeedbak.I tempi di ripresa della normale funzione intestinale o rettale sono variabili da caso a caso e da paziente a paziente.
Saluti Dr.Giuseppe D'Oriano
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#4] dopo  
Utente 276XXX

Gentile dr, avrei bisogno di un ulteriore chiarimento.
In questi giorni la situazione è un po' migliorata, cioè sento lo stimolo, però persiste il fatto che le feci sono morbide e riesco ad evacuare solo feci sottili e morbide (per darle un'idea potrei dire che sono come dei piccoli grissini) con un modesto sforzo. Ora questo tipo di feci possono essere sintomo di un prolasso del retto oppure possono essere collegate a qualche altra patologia non funzionale ma morfologica del colon-retto? Nella mia ignoranza potrei pensare che le feci sono morbide per la rigorosa dieta che sto seguendo ma che risultino essere sottili per una ostruzione del canale che mi impedisce di avere una consistenza normale delle feci. Può essere realistico?
Grazie.