Utente
Gentile dottore, vorrei un consiglio su cosa fare ?
Premetto che da circa due anni, ogni volta che vado al bagno,nonostante sia regolare e senza problemi di stipsi o feci dure noto macchie di sangue vivo sulla carta igienica. Circa dieci anni or sono ad una visita di controllo per una campagna di prevenzione dei tumori del retto, il medico mi disse che avevo delle creste di gallo all’ano li per li non ho fatto nulla ma, in effetti da circa un anno ogni volta che mi lavo sento come una pallina che entra e esce dall’ano, parlando con il mio medico curante e con delle amiche che soffrono di emorroidi mi sono convinta di esserne affetta. A gennaio 2012 sono risultata positiva al test del sangue occulto nelle feci e sono stata sottoposta a colonscopia il 15 feb 2012 con il referto di:
“non lesioni mucose nel tratto esplorato (fino al cieco), si segnalano alcuni diverticoli del sigma. Gozzi emorridari con modesto sanguinamento”.
Quindi rinfrancata e convinta di avere le emorroidi , vado dal mio medico curante, che mi prescrive una pomata (credo procsedil ) e delle pillole Avernum, trovo un po di giovamento fino a questa estate al mare, dove comincio ad avere delle piccole perdite di sangue, che ritrovo sulle mutandine e anche nel water. In piu sento regolarmente una escrescenza che fuoriesce dall’ano sempre piu spesso quando mi lavo, decido di prenotare una visita dallo specialista che eseguo il 10 ott 2012, nel mio caso è uno specialista in chirurgia generale e anche proctologo , mi dice che non ho le emorroidi sanguinanti ma un polipetto nel canale anale,che devo togliere al piu presto, ecco il referto:
“ esplorazione rettale: neoformazioni del canale anale affiorante all’esterno e sanguinante (sospetta eteroplasia di ndd). Si consiglia : asportazione della eteroplasia del canale anale”.
Cosa mi consiglia di fare? Possibile che la colonscopia fatta 8 mesi fa non abbia visto il polipo?
In attesa di una sua gentile risposta, la saluto cordialmente.

[#1]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
No so dire cosa non ha visto l'esame di otto mesi fa. È però adesso indispensabile prima di fare qualunque cosa attendere l'esito dell'esame istologico che indicherà se effettivamente si tratta di una eteroplasia. In tal caso sarà poi da decidere quale terapia seguire poiché importante è stabilire se tale formazione appartiene all'ano o al retto.
Dr. Roberto Rossi

[#2] dopo  
Utente
Gentile dott Rossi, io non ho ancora effettuato l'intervento, l'esame istologico si puo effettuare prima dell'intervento? cordiali saluti

[#3]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Certamente !
Dr. Roberto Rossi

[#4] dopo  
Utente
Ieri ho sentito il chirurgo, mi ha confermato che effettuerà prima l'asportazione del polipo e successivamente l'esame istologico poi in caso di positività, si decideranno le terapie più appropriate. Vi chiedo se l'approccio e' corretto? Cordiali saluti

[#5]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Se si tratta di un polipo questa è la corretta procedura.
Dr. Roberto Rossi

[#6] dopo  
Utente
Grazie dott Rossi, della sua disponibilità e delle risposte puntuali e veloci. cordiali saluti

[#7] dopo  
Utente
cari dottori vi faccio la cronistoria di questa vicenda per me allucinante !!

A gennaio 2012 sono risultata positiva al test del sangue occulto nelle feci e sono stata sottoposta a colonscopia il 15 feb 2012 con il referto di:
“non lesioni mucose nel tratto esplorato (fino al cieco), si segnalano alcuni diverticoli del sigma. Gozzi emorridari con modesto sanguinamento”.
Quindi rinfrancata e convinta di avere le emorroidi , vado dal mio medico curante, che mi prescrive una pomata (credo procsedil ) e delle pillole Avernum, trovo un pò di giovamento fino a questa estate al mare, dove comincio ad avere delle piccole perdite di sangue, che ritrovo sulle mutandine e anche nel water. In piu sento regolarmente una escrescenza che fuoriesce dall’ano sempre piu spesso quando mi lavo, decido di prenotare una visita dallo specialista che eseguo il 10 ott 2012, nel mio caso è uno specialista in chirurgia generale e anche proctologo , mi dice che non ho le emorroidi sanguinanti ma un polipetto nel canale anale,che devo togliere al piu presto, ecco il referto:
“ esplorazione rettale: neoformazioni del canale anale affiorante all’esterno e sanguinante (sospetta eteroplasia di ndd). Si consiglia : asportazione della eteroplasia del canale anale”. Qundi programma l'intervento per lunedi 22 ottobre che eseguo con esito positivo, il chirurgo al momento mi dice che il polipetto di circa 2 cm non ha intaccato la mucosa e la parte muscolare, con il referto : " paziente affetta da eteroplasia sanguinante di ndd del canale anale è stata sottoposta ad intervento chirurgico di escissione locale della neoformazione ". mi dimette il gg dopo e mi dice di risenterci a fine settimana per i risultati dell'esame istologico, lo chiamo stamane e mi dice che non ha ancora il referto scritto ma l'anatomopatologo gli ha anticipato che la eteroplasia è di natura maligna. Nell'attesa del referto scritto ha gia prenotato una ecografia transrettale per il gg 10 nov !! e che appena avrà il referto scritto fra pochi giorni, provvederà a prenotarmi una visita oncologica per programmare una radioterapia e una chemioterapia, rassicurandomi che la cosa si cura e che guarirò.
Cosa mi consigliate di fare? posso aspettare per la ecografia 15 gg ? Quando eventualmente iniziare la terapia? Possibile che la colonscopia fatta 8 mesi fa non abbia visto il polipo?
In attesa di una vostra gentile risposta, vi abbraccio forte.

[#8]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Come le dissi nella prima risposta il problema deve essere valutato quando ci sarà l'esame istologico che dovra definire se si tratta di un carcinoma dell'ano ed in tal caso dovra eseguire la stadi azione ecografico in prima battuta e poi seguire la indicazioni dell'oncologo oppure se si tratta di un polipo cancerizzato del retto( adenocarcinoma) la cui exeresi potrebbe essere sufficiente a garantire la guarigione.
Dr. Roberto Rossi

[#9] dopo  
Utente
Grazie dott. Rossi, ecco il referto istologico appena arrivato:

Neoformazione di mm 25x18x6
Neoformazione del canale anale

Carcinoma a cellule squamose, non cheratinizzanti, scarsamente differenziato (G3), con elevata attività mitotica, infiltrante a tutto spessore la parete ed interessante margine di resezione chirurgico.

SNOMED
914005 T-01000 m-80703

cosa mi consiglia di fare? di nuovo grazie per la sua gentilezza

[#10]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Il carcinoma anale deve essere valutato congiuntamente dal chirurgo,dall'oncologo e dal radio terapista poiché certamente l'area interessata dovra essere trattata. Sarà pero indispensabile la stadi azione della malattia tramite esami di approfondimento che le verranno indicati dagli specialisti.
Dr. Roberto Rossi

[#11] dopo  
Utente
Grazie Dr. Rossi, abito in provincia di Lucca ma non ho difficoltà a spostarmi al nord se necessario, puo consigliarmi una struttura o centro specializzato dove effettuare gli esami ed eventualmente la terapia? grazie di nuovo per la sua disponibilità.

[#12]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Certamente a Firenze esistono centri ospedalieri di ottimo livello dove sarà possibile avere tutte le opzioni per una corretta valutazione diagnostica e conseguente terapia.
Dr. Roberto Rossi