Utente 132XXX
Salve!
Ho 25 anni.
Mi hanno diagnosticato 3 anni fa emorroidi di II grado.
6 mesi fa ad una seduta proctologica non mi sono stati riscontrati problemi emorroidari ma un polipo anale che mi è stato asportato con successo.
E' passata l'estate... tranquillamente senza alcun problema.
Da quando sono tornato in città (forte stress per via di alcuni esami) sto avendo grossi problemi di stitichezza ( è da 7 giorni che non vado di corpo) associati a sanguinamenti e perdita di muco (nessun dolore addominale). Ho provato dei miniclisteri di glicerina: mi fanno scappare in bagno ma poi niente da fare. Mi succede la seguente cosa: appena mi sforzo le feci cominciano a scendere... una volta fuori si bloccano e risalgono su. Posso stare anche un'ora seduto... nessun risultato.

Non so se è il caso di fare una visita proctologica o una colonoscopia.

In questo periodo ho bevuto poco e mangiato male. Da ieri ho ricominciato a bere tanto, ma questo può migliorare la situazione delle feci già formate?


Grazie!

[#1]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Certamente utile una visita proctologica. In attesa il consiglio è di correggere le abitudini alimentari, implementere la idratazione ed il consumo di fibre. Nel caso di abitudini sedentarie intraprendere una attività fisica regolare. Vita pigra intestino pigro!
Dr. Roberto Rossi

[#2] dopo  
Utente 132XXX

Grazie Dottore.

Secondo lei, bere tanto può migliorare la situazione delle feci già formate (quelle che non riesco ad espellere adesso)?

Da una semplice visita proctologica è possibile comprendere se si tratta di stipsi da ostruita defecazione?

[#3]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
La visita proctologica è un buon inizio specie se completata da una rettoscopia.
Dr. Roberto Rossi