Utente 180XXX
Buongiorno. Sono una ragazza di 22 anni e ieri sera mi sono accorta della presenza di una piccola tumefazione esterna adiacente alle pareti dell'ano. Guardando con uno specchietto, ho notato essere di colore violaceo ed ho realizzato che sicuramente è un'emorroide uscita fuori dal retto. In realtà me ne sono accorta solo a causa del fastidio e del bruciore di intensità media che ho provato qualche ora dopo l'espulsione delle feci, che comunque non ricordo essere stata particolarmente faticosa. Ad oggi l'emorroide è ancora esterna e non è rientrata. Su breve consulto con il farmacista di fiducia ho applicato qualche ora fa preparazione h, e il bruciore si è attenuato. Volevo chiedere conferma che si tratti di un problema di lieve entità, che ritornerà a posto da sè (spero in breve tempo) e se è necessario ricorso a medico di base (oggi assente) e/o guardia medica. Ho già iniziato un regime alimentare ricco di frutte e verdure, alimenti ricchi di fibre e cerco di bere il più possibile. Grazie per l'attenzione.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile Utente
La diagnosi differenziale va fatta con l' ematoma perianale, che molte volte viene confuso con una emorroide prolassata e trombizzata.
Se tale sintomatologia non è accompagnata da dolore può attendere.
Una visita diretta ed un occhio esperto saranno più che sufficienti per chiarire la diagnosi.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente 180XXX

La ringrazio dottore per la celere risposta. Il dolore è veramente minimo, più che altro al tatto. Il sintomo principale è il bruciore, che come anticipato è diminuito con l'applicazione della crema, pesantezza della zona e talvolta prurito. Sicuramente nei prossimi giorni, se la situazione non migliora, mi rivolgerò al mio medico. Grazie ancora.

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Di nulla.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#4] dopo  
Utente 180XXX

Gentil Dottore. Approfitto nuovamente della sua cortesia e disponibilità per aggiornarla e chiederle ulteriori chiarimenti. A una settimana (domani) dalla comparsa dell'emorroide la situazione è pressoché stabile. Per darle un'idea, è un rigonfiamento esterno all'ano della grandezza di un cecio secco. Ho contattato telefonicamente il mio medico di base che, grazie alla mia descrizione, ha deciso che non fosse necessario visitarmi dando per certo che sia emorroide. Mi ha aggiunto, oltre la preparazione h che applico 3 volte al giorno, una bustina alla sera di Proctolyn dicendomi di aver pazienza. I sintomi che persistono sono prurito e sensazione di pesantezza della zona, aggravata quando, purtroppo per lavoro, sto seduta parecchie ore al giorno. Volevo chiederle se c'è una tempistica media di guarigione e se è possibile in qualche modo velocizzare i tempi. Tra una settimana dovrò partire per un viaggio molto importante e mi verrebbe molto scomodo partire in queste condizioni. Inoltre, per quanto tempo è possibile usare la pomata? (Sulla confezione è riportato "usare per brevi periodi di trattamento"). La ringrazio anticipatamente.

[#5]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile Utente.
Noi le diagnosi le facciamo visitando i pazienti.
Terapia da continuare e tempi di guarigione per che cosa? Attualmente non abbiamo ancora una diagnosi.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#6] dopo  
Utente 180XXX

Gentile Dottore. Grazie nuovamente per aver risposto. Io più che chiedere al mio medico di visitarmi non saprei effettivamente cosa fare, se non andare a pagare una visita privata da un proctologo con la speranza di trovare un buco entro 7giorni. In tutta la mia ignoranza, se il medico mi dice che sono sicuramente emorroidi solo sentendo la mia descrizione e che non è necessario fare altro che avere un'alimentazione corretta ricca di vegetali e bere tanta acqua, evitare gli sforzi ed avere pazienza affinchè passi il gonfiore, io non posso far altro che fidarmi e fare quel che dice. Volevo solo capire in media un caso simile al mio quanto tempo può impiegare a tornare nella normalità, o comunque a passare "inosservata" per il paziente e quando viene superato il fatidico "periodo limitato" descritto nel bugiardino della pomata. Comprendo ovviamente la sua posizione e il non volersi sbilanciare con informazioni date alla leggera. La ringrazio nuovamente. Buonaserata.