Utente
Buonasera
Vi ripresento la mia situazione.
E' da circa dicembre 2015 che ho notato un cambiamento nelle abitudini intestinali, sono sempre stato molto regolare, ho sempre avuto una dieta regolare, mangiando di tutto, non fumo ne faccio uso di alcoli, ma da alcuni mesi a questa parte faccio più fatica ad andare in bagno, spesso quando vado, gli escrementi sono di piccole dimensioni e frastagliati in diversi pezzi, sto anche alcuni giorni senza evaquare.

Mi sono accorto di avere anche la pancia molto,molto gonfia, il dottore mi ha prescritto diverse cure per cercare di risolvere la situazione della pancia gonfia, ma nessuna ha dato per ora esito positivo.

Ho fatto una visita da un proctologo con un controllo rettale, e mi ha confermato che era tutto assolutamente ok, tranne una piccola emorroide esterna che mi procura quasi sempre delle piccole tracce di sangue sulla carta igenica.

Ho fatto il test per l'intolleranza al glutine, risultato negativo.

Ho fatto un ecografica completa all'addome, dove mi è stato detto che tutti gli organi visti sono in perfette condizioni, tranne che una notevole quantita di aria nella pancia, l'ecografo non riusciva a capire da dove potesse venire, mi ha parlato anche di "intestino fermo" mi ha dato una cura per la colite ma senza risultato..

Il tutto è accompagnato da costanti fastidi/dolori alla schiena, nella parte alta, sotto le costole verso la sinistra. E' una specie di bruciore/fitta, secondo il fisioterapista potrebbe dipendere da un tipo di movimento che faccio a lavoro, ho notato che a fine giornata il fastidio è più intenso, e tende a sparire nel fine settimana, però non è assolutamente sicuro di tutto ciò..
La cosa potrebbe essere legata ad un disturbo al colon?

In questi mesi ovviamente leggendo, le preocupazioni verso un qualcosa di più grave al colon si sono presentate nella mia testa, considerando che ho 25 anni, nessun caso in famiglia, è il caso di fare una colonscopia? La vostra esperienza cosa insegna?

Rimango in attesa di un vostro gentile riscontro..

*ci tengo a precisare che i miglioramenti nei giorni non lavorativi sono legati esclusivamente ad i fastidi legati alla schiena, il resto dei problemi persistono invariati, quindi pancia molto gonfia ed evaquazioni con molti e piccoli pezzi..

[#1] dopo  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, i suoi disturbi farebbero propendere per una forma di colon irritabile, vista la sua giovane età ed il miglioramento nel fine settimana, quando lo stress lavorativo solitamente diminuisce, in ogni caso una visita gastroenterologica mi sembra necessaria prima di programmare eventuali altri accertamenti.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#2] dopo  
Utente
In cosa potrebbe consistere? Ho fatto già una visita da uno specialista che mi ha fatto un anoscopia e mi ha detto che era tutto ok, e che secondo il suo parere non era necessario nessun altro tipo di visita, non mi ha prescritto niente se non l'unica indicazione di star più tranquillo possibile. Purtroppo di risultati non se ne vede, il fastidio che ho alla schiena è presente solo nei giorni che lavoro, non faccio grossi sforzi assolutamente, ma per alcune ora un movimento costante che potrebbe portarmi questo fastidio, anche sento che non è un qualcosa di muscolare ma un fastidio scheletrico, vicino la spina.
Questo fastidio comunque si abbassa o svanisce del tutto nei giorni che non lavoro.
Per quanto riguarda la pancia gonfia, ho provaro molte cose ma niente da fare il problema persiste.. Anche l'ecografo non si riusciva a spiegare da dove venisse tutta quell'aria, mi ha parlato di probabile colite spastica. Non consigliava inizialmente una colon, anche dall ecografia ha detto che il colon era regolare e non notava rigonfiamenti strani.. Ora peró di tempo ne è passato..

[#3]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente è una forma di colite che peggiora con lo stress, nulla di preoccupante, ma é il gastroenterologo lo specialista più indicato.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#4] dopo  
Utente
Altro sintomo importante non citato sopra è il fatto che è come se il mio stomaco fosse fermo, nel senso se mangio, dopo molte ore mi sento sempre come se avessi appena finito di mangiare, è come se non digiressi..

[#5]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Anche su questo aspetto è sempre il gastroenterologi lo specialista più appropriato. I diversi sintomi potrebbero essere collegati.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#6] dopo  
Utente
Ho in programma per la prossima settimana analasi delle feci e sangue prescritte dal medico, vediamo per i risultati, io avrei optato subito per una colonscopia, ma il dottore ha detto che è il caso di muoversi per gradi.

Una curiosità personale, non sono esperto in materia, quando vi è in corso un tumore, è vi sono metastati ad altri organi tipo fegato/pancreas ect, l'ecografia è uno strumento efficace per rendersi conto del tutto? Nel senso se dall'ecografia quest'ultimi risultano ok, è sicuro al cento per cento che non si sia formata nessuna metastasi? O vi sono altri esami per verificare tutto ciò?

[#7]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente deve sottoporsi ad una visita gastroenterologica e sarà lo specialista a stabilire quali eventuali esami richiederle.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza